Tour della Nazionale di rugby a 15 del Sudafrica 1912-1913

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sudafrica
in tour 1912 — 1913
Destinazione Isole Britanniche
G V N P
Totali 26 23 0 3
Test match 4 4 0 0
Avversari nei test match
Nazionale G V N P
Scozia Scozia 1 1 0 0
Irlanda Irlanda 1 1 0 0
Galles Galles 1 1 0 0
Inghilterra Inghilterra 1 1 0 0
Destinazione Francia
G V N P
Totali 1 1 0 0
Test match 1 1 0 0
Avversari nei test match
Nazionale G V N P
Francia Francia 1 0 0 0

Il Tour della Nazionale di rugby a 15 del Sudafrica 1912-1913 fu una serie di incontri di rugby a 15 disputati dalla nazionale sudafricana in tour in Gran Bretagna e Francia. Fu un tour trionfale per i sudafricani, che batterono tutte le nazionali britanniche (Inghilterra, Scozia,Irlanda,Galles), conquistando quindi il Grande Slam, oltre la Francia.

Il tour vide anche il disputarsi di molti incontri con club, selezioni ad inviti e contee. Fu il secondo tour sudafricano nell'emisfero nord dopo quello del 1906-1907.

Il capitano per il tour fu William Millar, malgrado fosse stato l'ultimo ad essere stato selezionato, e malgrado non fosse originariamente preferito dai selezionatori, ma fu imposto dal South African Rugby Board.[1]

Questo perché Millar aveva già fatto parte della squadra del tour del 1906, ma non era altrettanto popolare tra i colleghi e il pubblico del capitano di quel tour, Paul Roos.[2]

Gli altri due reduci del tour precedente erano il vicecapitano Fred 'Uncle' Dobbin e Doug Morkel. Facevano parte del team anche due famiglie di fratelli: Richard, Freddie e John Luyt e Gerhard and Jacky Morkel.[2]

Il team[modifica | modifica wikitesto]

  • Manager: Max Honnet
  • Capitano: William Millar
  • Vice-capitano: Frederick Dobbin

Estremi[modifica | modifica wikitesto]

Tre-quarti[modifica | modifica wikitesto]

Mediani[modifica | modifica wikitesto]

Forwards[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I test match[modifica | modifica wikitesto]

Edimburgo
23 novembre 1912, ore 14:30 GMT
Scozia Scozia 0 – 16 Sudafrica Sudafrica Inverleith (26 000 spett.)
Arbitro Inghilterra F. Potter-Irwin

Dublino
30 novembre 1912
Irlanda Irlanda 0 – 38 Sudafrica Sudafrica Lansdowne Road (20 000 spett.)
Arbitro Scozia T.J. Tulloch[3]

Cardiff
14 dicembre 1912
Galles Galles 0 – 3 Sudafrica Sudafrica Arms Park (26 000 spett.)
Arbitro Inghilterra F. Potter-Irwin

Londra
4 gennaio 1913
Inghilterra Inghilterra 3 – 9 Sudafrica Sudafrica Twickenham (29 000 spett.)
Arbitro Scozia T.J. Tulloch

Bordeaux
11 gennaio 1913
Francia Francia 5 – 38 Sudafrica Sudafrica Stadio Sainte Germaine (20 000 spett.)
Arbitro Galles T. Williams

Gli altri incontri[modifica | modifica wikitesto]

Bath
3 ottobre 1912
Somerset Flag of Somerset.svg 3 – 24 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Exeter
5 ottobre 1912
Devon Flag of Devon.svg 0 – 8 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Redruth
10 ottobre 1912
Cornovaglia Flag of Cornwall.svg 6 – 15 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Newport
12 ottobre 1912
Monmouthshire Flag of Monmouthshire.svg 0 – 16 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV Rodney Parade (12 000 spett.)
Arbitro Galles T.D. Schofield

Cardiff
17 ottobre 1912
Glamorgan Glamorgan Flag.svg 3 – 35 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV Arms Park (15 000 spett.)
Arbitro Inghilterra A.O. Jones

Llanelli
19 ottobre 1912
Llanelli 600px Rosso.png 7 – 8 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV Stradey Park (15 000 spett.)
Arbitro Inghilterra Gil Evans

Newport
24 ottobre 1912
Newport 600px Giallo oro e Rosso con bande Nere laterali.svg 9 – 3 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV Rodney Parade (18 300 spett.)
Arbitro Inghilterra F.C. Potter-Irwin

Londra
26 ottobre 1912
London XV Flag of the City of London.svg 8 – 12 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV Rectory Field, Blackheat

Portsmouth
30 ottobre 1912
United Services Flag of the United Kingdom.svg 16 – 18 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Northampton
2 novembre 1912
Midlands Orientali 600px East Midlands Rugby.svg 3 – 14 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Oxford
6 novembre 1912
Università di Oxford 600px Blu.png 0 – 6 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Leicester
9 novembre 1912
Midland Counties Flag of the German Empire.svg 3 – 25 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Cambridge
14 novembre 1912
Università di Cambridge 600px Celeste.png 0 – 24 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Londra
16 novembre 1912
Londra XV Flag of the City of London.svg 10 – 8 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV Rectory Field, Blackheat

Newcastle upon Tyne
20 novembre 1912
North of England 600px Nero con strisce Rosse.svg 0 – 17 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Glasgow
27 novembre 1912
West of Scotland 600px Oro con strisce orizzontali Rosse.svg 3 – 38 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Belfast
4 dicembre 1912
Ulster Flag of Ulster.svg 0 – 19 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Birkenhead
7 dicembre 1912
North of England 600px Nero con strisce Rosse.svg 9 – 21 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Neath
19 dicembre 1912
Neath 600px Nero.png 3 – 8 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV The Gnoll (15 000 spett.)
Arbitro Inghilterra R.G. Smith

Cardiff
21 dicembre 1912
Cardiff 600px Azzurro con striscia Nera larga.svg 6 – 7 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV Arms Park
Arbitro Inghilterra J.H. Miles

Swansea
26 dicembre 1912
Swansea Bianco.svg 3 – 0 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV St. Helen's (35 000 spett.)
Arbitro Scozia James Greenlees

Bristol
28 dicembre 1912
Gloucestershire Severn Cross.svg 0 – 11 Red Ensign of South Africa 1910-1912.svg Sudafrica XV

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Billot, Springboks in Wales, Ferndale, Glamorgan, Ron Jones Publications, 1974, ISBN.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Billot (1974), pg 70.
  2. ^ a b Billot (1974), pg 71.
  3. ^ Nel secondo tempo fu sostituito da F. Gardiner, irlandese.


rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby