Tomie: Re-birth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tomie: Re-birth
Tomie Re birth.JPG
Tomie in una scena del film
Titolo originale 富江
re-birth
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 2001
Durata 101 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore
Regia Takashi Shimizu
Soggetto Junji Ito (manga)
Sceneggiatura Yoshinobu Fujioka
Produttore Tooru Ishii, Makoto Okada, Youichiro Onishi, Shun Shimizu, Tsutomu Tsuchikawa
Casa di produzione Toei Company
Fotografia Yoichi Shiga
Montaggio Ryuji Miyajima
Musiche Gary Ashiya
Interpreti e personaggi

Tomie Re-birth (富江 re-birth?) è un film del 2001, diretto da Takashi Shimizu, tratto dall'omonimo manga scritto e disegnato da Junji Ito. È il quarto film della serie Tomie, composta da altri sette lungometraggi, ed è quello più fedele al manga.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Hideo è un giovane pittore che sta facendo un ritratto a una misteriosa ragazza che si chiama Tomie Kawazami. La ragazza non gradisce il ritratto e inizia a rovinarlo. Hideo la uccide, quindi occulta il cadavere in un bosco, insieme ai suoi amici Takumi e Shunichi. La sera seguente i tre ragazzi si recano a una festa, dove riappare Tomie. Hideo si suicida, mentre Takumi uccide nuovamente Tomie.

Shunichi torna nel suo appartamento, che divide con la sua ragazza Hitomi. Questa inizia a comportarsi in modo strano, in quanto Tomie si è impossessata del suo corpo. Tomie si impossessa anche del corpo della madre di Shunichi, che tenta di ucciderla definitivamente tagliandole la testa e chiudendola in un inceneritore.

Intanto Hitomi capisce di essere diventata un mostro, e tenta il suicidio. Viene fermata da Shunichi, ma all'improvviso sulle spalle di Hitomi cresce la testa di Tomie, che si getta da una cascata uccidendo i due ragazzi. Una ragazza getta in acqua dei fiori, che vengono raccolti da una mano, mentre si sentono le risate di Tomie.

Collegamenti ad altre pellicole[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tomie Re-birth. URL consultato il 29 marzo 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema