Ju-on (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ju-on
Ju on kobayashi.jpg
Shunsuke Kobayashi
Titolo originale Ju-on
Lingua originale Giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 2000
Durata 70 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore
Regia Takashi Shimizu
Sceneggiatura Takashi Shimizu
Produttore Takashige Ichise, Kazuo Katō, Masaaki Takashima
Fotografia Nobuhito Kisuki
Musiche Gary Ashiya, Shiro Sato
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ju-on (呪怨 Juon?, lett. "Rancore") è un film del 2000 diretto da Takashi Shimizu.

Primo capitolo di una fortunata saga, questo J-Horror uscì per il solo mercato home video.

Il film racconta la storia di un uomo, Takeo Saeki (Takashi Matsuyama) che uccise la moglie, Kayako (Takako Fuji), ed il figlio Toshio, (Ryota Koyama), in un impeto di gelosia. In seguito l'insegnante di Toshio, Kobayashi (Yurei Yanagi), in cerca del ragazzino si recherà nella casa in cui è avvenuta la strage, per rimanere vittima della maledizione rimasta nella casa, e propagandola all'esterno come un'epidemia.

Ju-on ha ottenuto un enorme successo, soprattutto in considerazione della sua natura di film a basso costo non destinato alle sale cinematografiche. Ne è stata prodotta quasi immediatamente una versione cinematografica seguita da un sequel, Ju-On 2, ed un remake americano, The Grudge, a cui sono seguiti due ulteriori sequel. Takashi Shimizu si è occupato della sceneggiatura e della regia di tutti i capitoli della saga, tranne che del secondo seguito del remake americano e dei due recenti seguiti giapponesi Ju-on: Shiroi Roujo e Ju-on: Kuroi Shoujo.

Il film è stato trasmesso in Italia per la prima volta dall'emittente televisiva MTV.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è diviso in sei capitoli, che prendono il nome dal personaggio coinvolto principalmente.

Toshio[modifica | modifica wikitesto]

Kobasyashi è un insegnante delle scuole elementari. L'uomo racconta alla moglie Manami, in avanzato stato di gravidanza, di come un suo alunno, Toshio Saeki, non si faccia vivo da diversi giorni. Kobayashi studia la scheda personale di Toshio, scoprendo che sua madre, Kayako era una sua compagna ai tempi della scuola superiore. Kobayashi ricorda Kayako come una ragazza molto strana. La mattina seguente l'uomo si reca a casa di Toshio. In casa, in cui regna caos e sporcizia, Toshio dall'aspetto emaciato e visibilmente turbato è completamente solo e rifiuta di parlare. Kobayashi entra in casa ed insieme al ragazzino aspetta il ritorno dei genitori.

Yuki[modifica | modifica wikitesto]

Diverso tempo dopo la casa in cui viveva Toshio è abitata dalla famiglia Murakami. La figlia maggiore, Kanna, sta studiando insieme ad una giovane tutor Yuki. Tuttavia avendo dimenticato di dare da mangiare al coniglio della scuola, Kanna esce di fretta lasciando Yuki sola nella sua stanza. Yuki comincia ad avvertire rumori, simili ad un miagolio, dall'armadio della ragazza, dal quale è possibile accedere in soffitta. Quando un gatto nero la spinge nella soffitta, Yuki viene letteralmente riuscchiata da un fantasma femminile. Inconsapevole di quanto è accaduto, Tsuyoshi, fratello di Kanna, esce di casa per andare a scuola.

Mizuho[modifica | modifica wikitesto]

Tamura Mizuho sta aspettando che esca da scuola il suo ragazzo Tsuyoshi Murakami, anche se sembra che nella scuola non ci sia più nessuno. Un insegnante si offre di aiutare la ragazza e cercare Tsuyoshi, a patto che lei aspetti nella sala professori. Rimasta sola, ed andata via la luce, Mizuho comincia ad avere paura e si nasconde sotto un tavolo. Poco dopo squilla il telefono e dopo che ha risposto la ragazza viene presa dalla spettrale figura di un bambino (Toshio).

Kanna[modifica | modifica wikitesto]

Due detective, Yoshikawa e Kamio, si sono imbattuti in un cadavere all'interno della scuola. Oltre al cadavere sono stati trovati un coniglio morto ed una mandibola. Il corpo a cui appartiene la mandibola invece non è stato rinvenuto. A casa Murakami, la signora Noriko è appena rientrata e si rende conto di essere sola in casa. Poco dopo squilla il telefono ed è molto probabilmente Mizuho che sta cercando Tsuyoshi. Ad un certo punto rientra qualcuno. Noriko vede Kanna camminare di spalle, con addosso abiti inzuppati di sangue e trasportando una copiosa scia di esso. Quando decide ad affrontare la figlia, Noriko urla disperata nel vedere che a Kanna è stata strappata la mandibola.

Kayako[modifica | modifica wikitesto]

La scena si sposta nuovamente al primo capitolo. Kobayashi sta aspettando impazientemente il ritorno dei genitori di Toshio e chiama al telefono la moglie Manami, che però non si può trattenere perché qualcuno sta bussando alla porta. Girando per casa Saeki, Kobayashi trova un diario e delle fotografie, che gli fanno rendere conto di quanto Kayako sia sempre stata ossessionata da lui. Da lì a poco, Kobayashi ritroverà il cadavere di Kayako in un enorme busta della spazzatura. Sotto shock, Kobayashi prende Toshio e tenta di fuggire, ma squilla il telefono. All'altro capo della cornetta c'è Takeo, marito di Kayako che ha appena ucciso Manami, picchiandola fino a farla abortire. Sconvolto Kobayashi si lascia cadere al suolo, senza reagire di fronte al cadavere orribilmente sfigurato di Kayako che gli compare di fronte, facendolo morire di infarto. Anche Takeo viene raggiunto dal fantasma di Kayako, mentre si sta disfacendo dei resti del feto che la povera Manami aveva in grembo.

Kyoko[modifica | modifica wikitesto]

Kyoko Suzuki, viene contattata dal fratello Tatsuya, agente immobiliare, perché veda una casa che si è appena liberata ed è particolarmente economica. Si tratta della casa dei Murakami, evidentemente morti tutti. Kyoko visita la casa insieme a Tatsuya, ed avverte subito la presenza di anime irrequiete all'interno della casa, essendo particolarmente sensibile. Kyoko chiede al fratello di tentare di non vendere in alcun modo la casa. Tuttavia la casa viene ugualmente venduta ai giovani coniugi Kitada. Dopo poco tempo, Kyoko si reca sul posto per vedere come stanno andando le cose ai nuovi inquilini. Immediatamente la donna si rende conto dall'aspetto sinistro della signora Kitada: la maledizione di Kayako ha colpito nuovamente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema