The Ant and the Aardvark

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Fumetto e animazione}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

The Ant and the Aardvark (letteralmente La formica e il formichiere) è una serie di 17 cortometraggi animati prodotta dalla DePatie-Freleng Enterprises e distribuita cinematograficamente dalla United Artists tra il 1969 e il 1971.

Trama e personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il cartone animato segue i tentativi di un oritteropo blu di catturare e mangiare una formica rossa di nome Charlie. Nella versione originale entrambi i personaggi sono doppiati da John Byner, imitando rispettivamente le voci di Jackie Mason e di Dean Martin.[1][2][3]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata originariamente distribuita cinematograficamente dalla United Artists. I 17 cortometraggi sono successivamente entrati a far parte di vari contenitori televisivi, di solito al fianco ad altri personaggi prodotti dalla DePatie-Freleng Enterprises, come La Pantera Rosa e L'ispettore. Il cartone animato è diventato particolarmente popolare nel 1970, quando è entrato a far parte della seconda stagione della serie della NBC The Pink Panther Show, per l'occasione rinominata The Pink Panther Meets the Ant and the Aardvark. Nonostante il successo, nessun nuovo episodio è stato prodotto.[4]

Stile[modifica | modifica wikitesto]

La serie utilizza diverse tecniche di lavorazione tipiche del periodo. In particolare i colori dei due protagonisti (blu e rosso) sono uniformi, senza sfumature tra corpo e vestiti. Come tali, i colori solidi dei personaggi permettevano loro di distinguersi chiaramente e spiccare rispetto agli sfondi multicolori, creando un effetto visivo alquanto peculiare e caratteristico.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Simonson, Sondheim, Lane and Stroman's The Frogs Finds a Lily Pad at Lincoln Center Beginning June 22, Playbill, 22 giugno 2004. URL consultato il 2009-08-10.
  2. ^ Vernon Scott, JOHN BYNER IS THE MAN BEHIND CHARACTER'S VOICE, Sun-Sentinel, 26 luglio 1985. URL consultato il 2009-08-10.
  3. ^ Graham Jefferson, Pink Panther breaks silence // The cool cat acquires a voice from Matt Frewer, USA Today (subscription required), 7 dicembre 1993. URL consultato il 2009-08-10.
  4. ^ a b Jerry Beck, Pink Panther: The Ultimate Guide to the Coolest Cat in Town, New York, New York, Dorling Kindersley, Ltd., 2006, pp. 38–39, 44–45, 102–103, ISBN 0-7566-1033-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]