Tecla di Iconio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Tecla d'Iconio
Santa Tecla tra le belve, bassorilievo nell'altare della cattedrale di Tarragona (XII secolo)
Santa Tecla tra le belve, bassorilievo nell'altare della cattedrale di Tarragona (XII secolo)

Vergine e Martire

Nascita Iconio, I secolo
Morte  ?, I secolo
Venerata da Chiesa cattolica, Chiesa cristiana ortodossa
Ricorrenza 23 settembre (Chiesa cattolica)
24 settembre (Chiesa cristiana ortodossa)
Attributi Palma
Patrona di Este; Mirto; Osimo; Santa Tecla; malati di cancro alle ossa

Santa Tecla di Iconio (Iconio, ... – Seleucia, I secolo) è stata una discepola di san Paolo, avrebbe subito il martirio ed è venerata come santa dalla Chiesa cattolica e da quella ortodossa.

Agiografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativa dell'Asia minore, è considerata discepola dell'apostolo Paolo, secondo gli apocrifi Acta Pauli et Theclae. La nostra conoscenza della sua vita deriva unicamente da questo testo che apparve intorno all'anno 180[1]. Secondo questo racconto Tecla era una vergine di Iconio, che si convertì al cristianesimo e decise di dedicarsi alla verginità perpetua dalla predicazione dell'apostolo Paolo. Miracolosamente salvata dalla morte sul rogo a cui era stata condannata, si recò con Paolo ad Antiochia di Pisidia, dove fu gettata in pasto alle belve e di nuovo si salvò dalla morte per miracolo.

Dopo questo andò a Myra, dove era l'apostolo, e infine a Seleucia dove morì.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Santa Tecla libera la città di Este dalla peste, dettaglio, dipinto di Giambattista Tiepolo del 1759, Este, Duomo

Nonostante il carattere puramente leggendario di tutta la storia, non è impossibile che la vicenda sia da riferirsi ad una persona storica: è facile credere che una vergine di questo nome che era nativa di Iconio sia stata effettivamente convertita da san Paolo e si sia poi impegnata nel lavoro di missioni cristiane[2]. Nella Chiesa orientale l'ampia diffusione degli Acta ha portato a una grande venerazione di Tecla, che veniva chiamata "apostolo e protomartire fra le donne". Il suo culto era particolarmente diffuso in un certo numero di città orientali, come Seleucia dove era stata sepolta, Iconio, e Nicomedia. Il suo culto è apparso molto presto anche in Europa occidentale, in particolare in quei distretti in cui ha prevalso la liturgia gallicana. Il suo nome è presente con varie indicazioni topografiche (Nicomedia, Seleucia, Asia) in diversi giorni del "Martyrologium Hieronymianum": 22 febbraio, 25 febbraio, 12 settembre, 23 settembre, e il 17 novembre[3]. Nel Martirologio di Beda[4] il suo nome è citato con una breve nota tratta dagli Atti il 23 settembre, stessa data di quello su cui la sua festa è dato nel presente Martirologio romano. La Chiesa greca celebra la sua festa il 24 settembre e le dà il titolo di "Protomartire tra le donne e uguale agli Apostoli"[5].

A lei era dedicata la chiesa su cui è stato costruito il duomo di Milano, poi dedicato a santa Maria Nascente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Holzhey, Die Tecla-Akten, ihre Verbreitung und Beurteilung in der Kirche, Monaco 1905.
  2. ^ Harnack, "Die Mission und die Ausbreitung des Christentums in den ersten drei Jahrhunderten", 2a ed, I, 295;. II, 58
  3. ^ "Martyrologium Hieronymianum", ed. De Rossi-Duchesne, pp. 24, 36, 120, 124, 144.
  4. ^ Quentin, "Martyrologes historiques du Moyen Age", p. 93.
  5. ^ Nilles, "Calendarium utriusque Ecclesiae", I, p.283

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesca Di Marco, Tecla di Iconio e le donne alla finestra (abstract) in Storia delle donne, vol. 2007, nº 3, Firenze, Firenze University Press, pp. 77-98.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]