Stirone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stirone
Stato Italia Italia
Regioni Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Lunghezza 55 km
Altitudine sorgente 695 m s.l.m.
Nasce Piana di Maneia, sul fianco orientale del monte Santa Cristina e Guardia, sopra Pellegrino Parmense
Sfocia Taro presso l'abitato di Fontanelle (PR), a 4 km dal Po.
Mappa del fiume

Lo Stirone è un torrente dell'Emilia-Romagna, affluente di sinistra del Taro.

I suoi principali affluenti sono i torrenti Utanella, Varolo, Borla, Ghiara, Rovacchia e Stirone Rivarolo.

È spesso indicato sulle mappe antiche con i nomi Sisterione, Sisterone o Sistrone.[1]

Il corso[modifica | modifica sorgente]

Nasce sulla Piana di Maneia, sul fianco orientale del monte Santa Cristina e Guardia, sopra Pellegrino Parmense. Scorre sul fianco occidentale della provincia di Parma e per un certo tratto segna il confine con la provincia di Piacenza. Dopo aver passato la zona di Salsomaggiore, lo Stirone, ormai in pianura, bagna la periferia ovest di Fidenza.

Anticamente il torrente passava nel centro di Fidenza a poca distanza dalla cattedrale ed è infatti ancora visibile un'arcata del ponte sotto la porta medievale. Fidenza stessa era nata come colonia romana con la funzione di controllo del ponte sullo Stirone.[2]

Poco prima di gettarsi nel Taro passa al di sotto del ponte "dal mulèn" in località Fontanelle, nel comune di Roccabianca. Nel dialetto locale la zona dove lo Stirone incontra il Taro è detta "Boca ad Stiron".

Il regime[modifica | modifica sorgente]

Il regime dello Stirone, come altri torrenti emiliani, presenta notevoli variazioni nella sua entità alternando lunghi periodi di magra o secca a piene brevi ed impetuose. In seguito all'intensiva attività estrattiva di ghiaia dall'alveo del torrente e al tipo di substrato sottostante, l'erosione del letto si è fatta molto accentuata.[3]

Il parco[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Parco fluviale regionale dello Stirone.

Un'ampia area lungo l'alveo del torrente è compresa all'interno del Parco fluviale regionale dello Stirone il cui obiettivo principale è quello di tutelare l'ecosistema fluviale, ma anche proteggere le aree fossilifere.

Fossili[modifica | modifica sorgente]

Stratificazioni geologiche del fiume Stirone in località Cascatelle

Il torrente Stirone è ben noto agli studiosi di paleontologia. I processi erosivi del torrente, in parte naturali ma amplificati dalle attività estrattive di ghiaia dall'alveo[3], hanno portato alla luce numerosi fossili dell'era terziaria e quaternaria appartenenti ai sedimenti marini del margine padano.[4] L'area interessata è ora protetta dal Parco fluviale regionale dello Stirone e ricade nella zona A di protezione integrale.[5] Nell'area sono stati rinvenuti i resti di testuggini, vari cetacei tra cui alcune balene[6], conchiglie e flora antica[7]. Buona parte di questi reperti sono conservati nel Museo dei fossili di Salsomaggiore[6] e nel Museo dei fossili di Fidenza[7].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il torrente Stirone, monografia - mucchioselvaggio.net
  2. ^ Il parco dello Stirone: la storia del territorio - parchi.parma.it
  3. ^ a b Stirone: la morfologia fluviale e l'erosione
  4. ^ Caratteristiche del Parco fluviale regionale dello Stirone
  5. ^ Parco dello Stirone: il progetto "Fossili"
  6. ^ a b Il Museo dei fossili di Salsomaggiore
  7. ^ a b Museo dei fossili di Fidenza

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia