Steve Miller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Steve Miller
Steve Miller (1977)
Steve Miller (1977)
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Blues rock
Rock psichedelico
Rock
Pop rock
Rock and roll
Periodo di attività 1967 – in attività
Strumento voce
chitarra
Etichetta Mercury, Capitol Records
Gruppo attuale Arrows to Athens
Steve Miller Band
Sito web

Steve Miller (Milwaukee, 5 ottobre 1943) è un cantautore e chitarrista statunitense.

Nato a Milwaukee, nel Wisconsin iniziò la propria carriera suonando nei locali il blues e il blues rock. Successivamente la musica di Miller mutò in melodie più dolci, orientate verso il pop, cosa che gli permise di ottenere un maggiore successo a livello mondiale grazie ad una serie di singoli e album che pubblicò a cavallo tra la metà degli anni settanta e la prima metà degli anni ottanta.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Steve Miller nacque da George "Sonny" Miller, un patologo, e Bertha, una cantante Jazz. Nel 1950, la famiglia si trasferì a Dallas, Texas. Le sue prime lezioni di chitarra gli furono impartite a soli cinque anni dal leggendario Les Paul, pioniere della chitarra elettrica e a sua volta cantautore. Les Paul e sua moglie, Mary Ford, erano infatti ospiti usuali in casa Miller. Ancora oggi quando Miller compone, utilizza alcune delle tecniche tramandategli dal vecchio Les Paul.

Mentre frequentava la St. Mark's School of Texas, Miller formò la sua prima band, “I Marksmen”, assieme al compagno di classe Royce Scaggs, meglio conosciuto come Boz. Diplomatosi alla Woodrow Wilson High School a Dallas nel 1961, Miller inizio' a frequentare la University of Wisconsin-Madison, dove formo’ gli "Ardells", cui successivamente si unì anche Scaggs. Ben Sidran divenne invece il tastierista. Miller aveva soltanto sedici anni quando iniziò a frequentare il college, mostrando un grande interesse per la letteratura. Les Paul incoraggiò il giovane Steve a comporre canzoni coltivando il proprio talento.

La Steve Miller Band (1969)

Prima di formare la Steve Miller Band, Miller suonò con Barry Goldberg in un gruppo chiamato “The Goldberg-Miller Blues Band”. Formata nel 1965, la band venne lasciata da Miller l'anno seguente dopo solo un singolo. Infine, nel 1967, Miller formò la Steve Miller Band (inizialmente chiamata col nome "The Steve Miller Blues Band"). Nel 1968 uscì il primo album, Children of the Future, il primo di una serie di dischi appartenenti al genere dello “psychedelic blues” (blues psichedelico), che al tempo impazzava nei locali beat e non solo di San Francisco. Al primo disco seguirono Sailor, Brave New World, Your Saving Grace e Number 5. Questi album, benché di ottima fattura, non ottennero il successo sperato.

Una svolta nella carriera della band fu il celebre album The Joker, uscito nel 1973. Composto in uno stile meno orientato verso l’hard-rock e un po’ meno ‘enigmatico’ (e più semplicistico), l’album ottenne un enorme successo, grazie soprattutto all'omonimo hit, che rimase per lungo tempo in cima alle classifiche americane dei singoli più venduti. Seguirono Fly Like an Eagle nel 1976 e Book of Dreams (nel 1977. Questi album segnarono l’inizio della carriera commerciale di Miller, entrambi raggiungendo le vette delle classifiche americane. Nonostante alcuni critici criticassero Miller, reo di aver smarrito e dimenticato le proprie radici di cantante blues “da locale”, i fans apprezzarono decisamente le ben ritmate melodie e i testi semplici ma ricchi di poesia delle canzoni di Steve tanto che, nel 1977, iniziò un tour della band per gli stadi assieme agli Eagles.

Sull’onda del successo ottenuto, Miller si concesse un periodo di pausa dai concerti e dalle registrazioni, dal quale uscì nel 1981 con l’album Circle of Love, un album ambizioso composto in uno stile totalmente nuovo, che tuttavia ottenne pochissimo successo e moltissime critiche. Così, nel 1982 tornò all'amato genere pop, dando vita con la band a un nuovo album, Abracadabra. Questo fu l’ultimo grande successo commerciale della band di Miller.

Seguirono una serie di collezioni, album live e alcuni tentativi di che tuttavia si spensero nella ricerca di un nuovo, irraggiungibile sound (inutile dire che il tentativo fallì). Dal 1993 Miller si è più o meno ritirato dalla scena, anche se non mancano alcune sue recenti ma sporadiche apparizioni in show televisivi o in collaborazione con autori (ha per esempio recentemente collaborato con Paul McCartney). Tuttavia prima dell’inizio del 2007 aveva dichiarato che un nuovo album, chiamato The Truth About The Lies, era in via di realizzazione.

Nella seconda metà del 2010 fondò insieme al tastierista David Hodges gli Arrows to Athens, una band rock and roll il cui primo album, Kings & Thieves, è stato pubblicato nel febbraio del 2011.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Steve Miller Band[modifica | modifica sorgente]

Steve Miller[modifica | modifica sorgente]

Con Earl Hooker[modifica | modifica sorgente]

Con David Hodges[modifica | modifica sorgente]

Con gli Arrows to Athens[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84167631 LCCN: n90608632