Stagione sociale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La stagione sociale ("social season" in lingua inglese) era nei secoli XVII e XVIII un periodo dell'anno in cui l'élite sociale dell'Inghilterra organizzava ballo delle debuttanti ed eventi di beneficenza a favore di Londra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Intorno al 1800 l'élite inglese era composta di personalità dell'aristocrazia e della nobiltà che erano solite trascorrere gran parte dell'anno nella capitale, pur possedendo un'abitazione rurale. La stagione, che occupava il periodo compreso tra il Natale e l'inizio dell'estate (in coincidenza con la seduta parlamentare), vedeva la partecipazione dei membri del Palazzo di Westminster: era inoltre l'occasione per l'ingresso formale nella società di gentry in età matrimoniale, presentate dal monarca e dalla corte regia.

L'usanza cadde in disuso dopo la prima guerra mondiale e nel 1958 fu ufficialmente abolita da Elisabetta II.

Eventi organizzati[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la guida "Debrett's" la stagione sociale andava da aprile ad agosto, quando avvenivano l'apertura della stagione di caccia e il ritiro dei nobili in campagna[1].

Tra gli eventi organizzati, si ricordano

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Traditional Season. URL consultato il 1 luglio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]