Ippodromo di Ascot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 51°24′58″N 0°40′37″W / 51.416111°N 0.676944°W51.416111; -0.676944

Ippodromo di Ascot
AscotFinishingPost.JPG
Informazioni
Ubicazione Ascot
Inghilterra Inghilterra
Inizio lavori
Inaugurazione 11 agosto 1711
Uso e beneficiari
Equitazione Ascot Gold Cup
Capienza
Posti a sedere
 

L'ippodromo di Ascot è un famoso ippodromo inglese situato nella cittadina di Ascot, Berkshire. Vi si disputano corse di cavalli purosangue.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato nel 1711 dalla regina Anna d'Inghilterra, fu inaugurato con una gara intitolata "Her Majesty's Plate" (dotazione di 100 ghinee) l'11 agosto di quell'anno, con soli sette cavalli in gara.

Ascot è uno degli ippodromi più importanti del Regno Unito: ospita nove delle trentadue corse di gruppo del Gruppo 1. Dista circa 11 km dal castello di Windsor. Nelle vicinanze è situato anche l'aeroporto civile Codice EGLT.

Di proprietà della Ascot Racecourse Ltd.[1], è, per la sua importanza, l'impianto ippico più strettamente legato alla famiglia reale britannica (il cui entourage ha obbligo di indossare il tight). L'annesso campo di golf è controllato dalla Crown Estate

Annualmente vengono organizzate ventisei giornate di gare di corsa piana concentrate nella maggior parte (diciotto) fra i mesi di maggio ed ottobre. Nei mesi invernali vengono organizzate anche corse con ostacoli.

Un appuntamento di notevole importanza è il Royal Meeting che si svolge a giugno e che vede in palio la Ascot Golden Cup. La gara più prestigiosa è tuttavia la King George VI and Queen Elizabeth Stakes che si corre a luglio.

Ascot nei media[modifica | modifica wikitesto]

Nel cinema l'ippodromo di Ascot è stato immortalato in una celebre sequenza del film My Fair Lady, ricordata per il vestito bianco e nero di Audrey Hepburn. Anche una sequenza del film Agente 007 - Bersaglio mobile è stata girata nell'impianto britannico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia dell'ippodromo di Ascot sul sito web ufficiale dell'impianto.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]