Spasticità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il termine spasticità deriva dalla parola greca σπασμός (spasmos) che significa 'crampo'. Con questo termine si designa un segno clinico che consiste in un abnorme aumento del tono muscolare che può originare da una lesione del cervello o del midollo spinale. Una caratteristica della spasticità è che l'aumento del tono muscolare dipende dalla velocità del movimento, ovvero aumenta con l'aumentare della velocità del movimento. Essa provoca il cosiddetto effetto a "serramanico" nei movimenti passivi degli arti e coinvolge sia i muscoli agonisti che antagonisti, interferendo così sia con la flessione che con la estensione di un segmento corporeo. La spasticità è sempre accompagnata da un disturbo della forza muscolare e viene oggi considerata un segno clinico "parapiramidale" nel senso che non riguarda direttamente né il sistema piramidale né quello extrapiramidale.

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Le cause della spasticità a livello neurologico sono una lesione del fascio piramidale del primo motoneurone accompagnata da una lesione del sistema extrapiramidale, quindi delle vie discendenti dalla corteccia motoria. Queste parti del sistema nervoso centrale controllano ogni movimento volontario tramite le loro fibre rispettivamente eccitatorie o inibitorie. Nel soggetto colpito da un tale danno, però, c'è uno squilibrio tra stimolazione e inibizione di un muscolo o di un gruppo di muscoli, soprattutto perché mancano gli impulsi inibitori. Da questo risultano l'aumento del tono muscolare (ipertonia spastica), l'iperreflessia osteotendinea e la contrazione involontaria ed eccessiva dei muscoli interessati.

Nella maggior parte dei casi la causa che provoca tali danni alle cellule e fibre nervose è un infarto cerebrale con effetto ischemico o anossico. Altre cause sono incidenti con trauma cranico o trauma del midollo spinale, malattie degenerative neurologiche come per esempio la sclerosi multipla, la sclerosi laterale amiotrofica, e la paralisi spinale spastica.
Inoltre, la spasticità può essere dovuta ad un danno cerebrale subìto durante la prima infanzia, spesso causato da una mancanza di ossigeno durante il parto. Altre possibili cause sono infezioni della madre durante la gravidanza (ad esempio toxoplasmosi, rosolia), intossicazioni o malnutrizione del feto. Nel neonato, un danno al sistema nervoso può svilupparsi come complicazione di infezioni come l'encefalite, la meningite, la mielite. In tutti questi casi si parla di paralisi cerebrale infantile.

A livello patofisiologico vengono discussi fenomeni come la neuroplasticità del SNC, lo sprouting degli assoni che formano nuovi contatti sinaptici, l'ipersensibilità da denervazione che è dovuta ad un'aumentata sensibilità recettoriale ai neurotrasmettitori, per poter spiegare meglio i meccanismi della spasticità e quindi per trovare nuovi approcci terapeutici.

La spasticità non diventa evidente subito dopo la lesione acuta, bensì dopo di un lasso di tempo che va da alcuni giorni fino a due mesi all'incirca. Questo periodo - detto shock spinale - è caratterizzato dalla paralisi flaccida dei muscoli interessati, dall'assenza di riflessi (areflessia) e a volte anche dalla perdita di sensazioni.

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

I sintomi di una paralisi spastica si manifestano in modo molto variato: vanno da una lieve restrizione della motilità fino alla perdita totale del controllo dei muscoli scheletrici. A seconda dell'area del corpo interessata, si parla di:

  • monoparesi, quando è colpito un solo arto
  • paraparesi, paralisi a carico dei due arti inferiori
  • emiparesi, paralisi limitata a un solo lato del corpo
  • tetraparesi, paralisi che colpisce tutti e quattro gli arti; può comprendere anche la muscolatura del tronco e del collo.

In generale la spasticità influisce di più sui muscoli antigravitari, cosicché negli arti superiori predominano gli spasmi in flessione, mentre negli arti inferiori prevalgono gli spasmi in estensione. Oltre a sintomi come aumento del tono muscolare, rigidità dei muscoli colpiti, spasmi a volte molto dolorosi e contratture, il soggetto può presentare problemi di equilibrio e di coordinazione dei movimenti (esempio: in alcune posizioni del braccio la mano può aprirsi) (atassia), difetti del linguaggio (disartria) e della deglutizione (disfagia), strabismo. Alla spasticità non è associata per forza una perdita della capacità intellettiva o un ritardo mentale. Ci sono diversi fattori che possono aumentare la spasticità, come ad esempio infezioni, temperature estreme, umidità. Anche fattori psichici, come lo stress emotivo e fisico, la paura e l'eccitazione, possono aggravarla.

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la definizione di Lance (1980) la spasticità è un ipertono muscolare dovuto ad un "aumento velocità-dipendente del riflesso tonico da stiramento". In base a questa definizione si può osservare la spasticità durante la mobilizzazione passiva di un arto, avvertita da parte dell'esaminatore come resistenza. Durante questa prova spesso si verifica il fenomeno del coltello a serramanico. Con questo s'intende l'improvviso rilassamento della rigidità dell'arto in esame, dopo la resistenza inizialmente opposta alla flessione passiva. Inoltre, il soggetto presenta i cosiddetti segni piramidali, cioè riflessi patologici e riflessi primitivi, ad esempio il segno di Babinski.

Conseguenze tardive[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del tempo si possono verificare diversi disturbi dovuti alla paralisi spastica. Tra i più comuni ricordiamo le retrazioni muscolari e accorciamenti tendinei, in seguito, deformazioni delle articolazioni e conseguente rigidità da immobilità, l'artrite e l'artrosi, la scoliosi, e - soprattutto nei pazienti immobili - il decubito, ed è aumentato il rischio di osteoporosi. Tra gli effetti psichici spesso si trovano ripercussioni sull'immagine di sé e depressioni anche gravi.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Poiché finora non esiste una terapia definitiva per la paralisi spastica, ogni terapia deve mirare alla minimizzazione dei sintomi come pure a migliorare il più possibile la capacità motoria. Infine, un importante obiettivo dei trattamenti consiste nella prevenzione dei problemi a lungo termine. Normalmente la terapia è interdisciplinare, cioè si basa sulla combinazione di fisioterapia e terapia farmacologica. Inoltre, il trattamento deve essere individualizzato, perché in ogni paziente la spasticità assume espressioni diverse, se non altro per la pluralità delle cause.

Molti trattamenti fisioterapici cercano di ridurre gli spasmi, ad esempio mobilizzando gli arti paretici e rafforzando i muscoli sani. Alcuni professionisti, inoltre, ritengono utile l'ippoterapia per i bambini con spasticità dovuta a patologie congenite, poiché sono convinti che gli stimoli forniti dal cavallo li aiutano ad acquisire la capacità di deambulare. Altri ritengono utili ausili ed apparecchi ortopedici (ad esempio ortesi come i tutori gamba-piede, splint polso-mano, deambulatori, sedie a rotelle).
Secondo un'originale interpretazione, che sta alla base della teoria riabilitativa nota con il nome di "Riabilitazione neurocognitiva", la "cosiddetta spasticità" potrebbe essere efficacemente superata grazie a particolari esercizi "conoscitivi" che, attraverso il coinvolgimento della sensibilità, dell'attenzione e di altre funzioni corticali "superiori", permetteranno al soggetto un riapprendimento della funzione motoria evoluta[1].

Il trattamento farmacologico della spasticità ad oggi è solo sintomatico e si avvale fondamentalmente di alcune sostanze farmacologiche, ad esempio il baclofen, la tizanidina ed il diazepam che agiscono a livello del sistema nervoso centrale ed il dantrium (il meno usato) che agisce a livello della fibra muscolare scheletrica.
Ci sono due possibili meccanismi d'azione: uno - che agisce sul sistema nervoso centrale - mira ad abbassare il tono muscolare, mentre l'altro - con effetto sui nervi periferici - inibisce l'eccitazione delle placche neuromuscolari. La somministrazione può essere orale, tramite iniezione (tossina botulinica) o attraverso una pompa impiantata sottocute a rilascio controllato, ricaricabile tramite iniezione (baclofen). Dalla fine degli anni 80 il trattamento considerato più efficace per la spasticità si basa sull'uso di sistemi di infusione intratecale di baclofen che permettono di concentrare la molecola a livello del midollo spinale diminuendo così gli effetti indesiderati creati dall'azione di questa molecola a livello cerebrale. Infatti, tra gli effetti collaterali più frequenti dei farmaci spasmolitici vi sono un'eccessiva debolezza dell'intera muscolatura (cioè anche dei muscoli respiratori), sonnolenza e vertigini.

La tossina botulinica viene iniettata nei muscoli interessati dove blocca il rilascio di un neurotrasmettitore, l'acetilcolina, che trasmette gli impulsi stimolanti dal nervo al muscolo. Nella terapia intratecale di baclofene il farmaco viene rilasciato direttamente nel liquor cerebrospinale che avvolge il midollo spinale. Questa somministrazione richiede un intervento chirurgico per posizionare la pompa sotto la pelle dell'addome e un catetere nel canale spinale.

Oltre alla terapia farmacologica si può ricorrere alla chirurgia correttiva ortopedica e alla neurochirurgia. Mentre la prima cerca di evitare deformazioni del sistema muscolo-scheletrico o di correggere deformità già esistenti, la seconda, chiamata rizotomia selettiva, interrompe le radici nervose dei muscoli affetti da spasticità e converte la paralisi spastica in una paralisi flaccida. Gli interventi possono comportare effetti indesiderati come problemi sensoriali o disfunzioni.

I trattamenti terapeutici dovrebbero avere per meta il miglioramento della qualità di vita del paziente tramite l'acquisizione di strategie individualizzate per gestire la spasticità. Per questo è sconsigliato sia applicare programmi riabilitativi stereotipati sia aspirare a fisiologici schemi motori. Invece è più promettente orientarsi secondo le capacità dell'individuo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Perfetti (1979), La rieducazione motoria dell’emiplegico. Ghedini, Milano.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  1. Lance JW: Symposium synopsis. In: Feldman RG, Young RR, Koella WP (eds) Spasticity: disordered motor control. Year Book Med Pub Chicago 485-494. 1980.
  2. Bradley WG, Daroff RB, Fenichel GM, Marsden CD: Neurology in clinical practise. Butterworth 1989 – vol 1, 770- 771.
  3. Akert K, Buser P, Wiesendanger M, Mosfeldt-Laursen A: Neural control of motor performance. Brain Res 1972: 40,1 – 203.
  4. Ashby P, Andrews C, Knowles L, Lance JW: Pyramidal and extrapyramidal control of tonic mechanisms in the cat. Brain,1972:95, 21-30.
  5. Brooks VB, Stoney SD Jr: Motor mechanisms: the role of the pyramidal system in motor control. Ann Rev Physiol, 1971: 33, 337-392.
  6. Rowland LP: Merrit’s textbook of neurology Lea & Febiger, 1989.
  7. O’Neil BP, Swanson JW, Brown FR, Griffin JW: Familial spastic paraparesis: an adrenoleukodystrophy phenotype? Neurology 1985, 35: 1233- 1235.
  8. Lees F, Turner JWA: Natural history and prognosis of cervical spondylosis Brit Med J, 1963, 2:1607-1610.
  9. Beal MF, Richardson EP: Primary lateral sclerosis: a case report. Arch Neurol 1981, 38: 30-33.
  10. Boustany R, Fleischnick E, Alper C The autosomal dominant form of pure spastic paraplegia. Neurology 1987, 37: 910-915.
  11. Harding AE The hereditary ataxias and related disorders Churchill Livingstone, 1984.
  12. Holmes GL, Shaywitz BA: Sturmpell’s pure familial spastic paraplegia: case study and review of the literature. J Neurol Neurosurg Psychiatry, 1977: 40: 1007-1008.
  13. Johnson AW, McKusick VA: A sex-linked recesive form of spastic paraplegia. Am J Hum Genet 1962:14:83-94.
  14. Younger DS, Chou S, Hays AP: Primary lateral sclerosis – a clinical diagnosis re-emerges. Arch Neurol 1988, 45: 1304-1307.
  15. Rosenberg RN, Nyhan WL, Bay C, Shore P: Autosoal dominant striatonigral degeneration. A clinical, pathological and biochemical study of a new genetic disorder. Neurology 1976: 26: 703 – 714.
  16. Vatanavicharn N, Pressman BD, Wilcox WR Reversible leukoencephalopathy with acute neurological deterioration and permanent residua in classical homocystinuria: A case report. J Inherit Metab Dis. 2008 Jan 22
  17. Hata K, Tsuboyama T, Haruta T, Ichihashi N, Kato T, Nakamura T: Relation between muscle thickness, spasticity, and activity limitations in children and adolescents with cerebral palsy. Dev Med Child Neurol, 2008feb; 50 (2): 152-156.
  18. Dones I, Servello D, Molteni F, Mariani G, Broggi G. A neurophysiological method for the evaluation of motor performance in spastic walking patients. Acta Neurochir Suppl. 1995;64:26-9.
  19. Dones I, Nazzi V, Broggi G. The guidelines for the diagnosis and treatment of spasticity. J Neurosurg Sci. 2006 Dec;50(4):101-5.
  20. Young RR, Delwaide PJ. Drug therapy: spasticity (second of two parts). N Engl J Med. 1981 Jan 8;304(2):96-9. Review.
  21. Dimitrijevic MR, Sherwood AM. Spasticity: medical and surgical treatment. Neurology. 1980 Jul;30(7 Pt 2):19-27. Review.
  22. Siegfried J, Rea GL., Intrathecal application of drugs for muscle hypertonia. Scand J Rehabil Med Suppl. 1988;17:145-8.
  23. Kamen L, Iii HR, Runyan JD: A practical overview of tizanidine use for spasticity secondary to multiple sclerosis, stroke, and spinal cord injury. Curr Med Res Opin 2007, dec 31.
  24. Cherednichenko G, Ward CW, Feng W, Cabrales E: Enhanced excitation-coupled calcium entry (ECCE) in myotubes expressing malignant hyperthermia mutation R163C is attenuated by dantrolene. Molec. Pharmacol 2008, Jan 2
  25. Inder RM, Brogden RN, Speight TM, Avery GS. Dantrolene sodium: a review of its pharmacological properties and therapeutic efficacy in spasticity. Drugs. 1977 Jan;13(1):3-23..
  26. Tarnawa I, Bölcskei H, Kocsis P., Blockers of voltage-gated sodium channels for the treatment of central nervous system diseases. Recent Patents CNS Drug Discov. 2007 Jan;2(1):57-78.
  27. Reynolds JR: On the therapetic uses and toxic effects of Cannabis Indica. Lancet 1890:1:637-638.
  28. Yaraskavitch M, Leonard T, Herzog W. Botox produces functional weakness in non-injected muscles adjacent to the target muscle. J Biomech. 2008 Jan 7
  29. Gibson N, Graham HK, Love S. Botulinum toxin A in the management of focal muscle overactivity in children with cerebral palsy. Disabil Rehabil. 2007 Dec 15;29(23):1813-22.
  30. Turner-Stokes L, Ashford S. Serial injection of botulinum toxin for muscle imbalance due to regional spasticity in the upper limb. Disabil Rehabil. 2007 Dec 15;29(23):1806-12.
  31. Hecht MJ, Stolze H, Auf Dem Brinke M, Giess R, Treig T, Winterholler M, Wissel J; German Spasticity Education Group. Botulinum neurotoxin type A injections reduce spasticity in mild to moderate hereditary spastic paraplegia- Report of 19 cases. Mov Disord. 2008 Jan 30;23(2):228-33.
  32. Decq P., Peripheral neurotomies for the treatment of focal spasticity of the limbs. Neurochirurgie. 2003 May;49(2-3 Pt 2):293-305. Review. French.
  33. Dones I. Intrathecal baclofen for the treatment of spasticity. Acta Neurochir Suppl. 2007;97(Pt 1):185-8. Review.
  34. Koulousakis A, Kuchta J., Intrathecal antispastic drug application with implantable pumps: results of a 10 year follow-up study. Acta Neurochir Suppl. 2007;97(Pt 1):181-4.
  35. Broggi G, Dones I, Servello D, Ferrazza C. A possible pharmacological treatment of baclofen overdose. Ital J Neurol Sci. 1996 Apr;17(2):179-80.
  36. Penn RD. Drug pumps for treatment of neurologic diseases and pain. Neurol Clin. 1985 May;3(2):439-51.
  37. Lazorthes Y, Sallerin-Caute B, Verdie JC, Bastide R. Advances in drug delivery systems and applications in neurosurgery. Adv Tech Stand Neurosurg. 1991;18:143-92
  38. Ceulemans B, van Rhijn J, Kenis S, Krols R, Laridon A, Van Havenbergh Opisthotonus and intrathecal treatment with baclofen (ITB) in children. TEur J Pediatr. 2007 Aug 24
  39. Motta F, Stignani C, Antonello CE. Upper limb function after intrathecal baclofen treatment in children with cerebral palsy. J Pediatr Orthop. 2008 Jan-Feb;28(1):91-6.
  40. DONES I, NAZZI V, TRINGALI G, BROGGI G: Cautious use of intrathecal baclofen in walking spastic patients: results on long-term follow-up Neuromodulation 9, 2 – 2006: 87 – 94
  41. Hansen CR, Gooch JL, Such-Neibar T., Prolonged, severe intrathecal baclofen withdrawal syndrome: a case report. Arch Phys Med Rehabil. 2007 Nov;88(11):1468-71. .
  42. Albright AL, Tyler-Kabara EC. Combined ventral and dorsal rhizotomies for dystonic and spastic extremities. Report of six cases. J Neurosurg. 2007 Oct;107(4 Suppl):324-7.
  43. Bishop B. Spasticity: its physiology and management. Part IV. Current and projected treatment procedures for spasticity. Phys Ther. 1977 Apr;57(4):396-401. Review.
  44. Bishop B. Spasticity: its physiology and management. Part III. Identifying and assessing the mechanisms underlying spasticity. Phys Ther. 1977 Apr;57(4):385-95. Review.
  45. Bishop B. Spasticity: its physiology and management. Part II. Neurophysiology of spasticity: current concepts. Phys Ther. 1977 Apr;57(4):377-84. Review.
  46. Zager EL. Neurosurgical management of spasticity, rigidity, and tremor. Neurol Clin. 1987 Nov;5(4):631-47.
  47. Abbott R, Forem SL, Johann M. Selective posterior rhizotomy for the treatment of spasticity: a review. Childs Nerv Syst. 1989 Dec;5(6):337-46.
  48. Peacock WJ, Staudt LA. Selective posterior rhizotomy: evolution of theory and practice. Pediatr Neurosurg. 1991-1992;17(3):128-34.
  49. Albright AL. Neurosurgical treatment of spasticity: selective posterior rhizotomy and intrathecal baclofen. Stereotact Funct Neurosurg. 1992;58(1-4):3-13.
  50. Walker MJ. Selective dorsal rhizotomy. Reducing spasticity in patients with cerebral palsy. AORN J. 1991 Oct;54(4):759-61, 764-6, 768-72. Muscle Nerve. 2000 Feb;23(2):153-63. Review.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Ricerche correlate alla "Spasticity" su PubMed National Library of Medicine - National Institutes of Health.

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina