Segno di Babinski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In medicina, e in modo particolare in neurologia, il segno di Babinski indica la presenza di una lesione a carico del tratto corticospinale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stato individuato dal neurologo francese Joseph Babinski (1857-1932). La prima descrizione completa di questo fenomeno fu pubblicata dall'autore nel 1898[1]. Questo sarebbe il primo studio in cui viene posta in relazione l'estensione dorsale dell'alluce con una lesione del tratto piramidale.

Segno di Babinski.

Metodo[modifica | modifica wikitesto]

Il riflesso cutaneo plantare si evoca strisciando una punta smussata lungo il margine laterale della pianta del piede, partendo da sopra il tallone, e portandola verso la parte supero-interna fino al primo metatarso[2]. Nell'adulto, in condizioni di normalità, si induce la flessione plantare delle dita del piede. In presenza di lesioni a carico del sistema corticospinale, lo stesso stimolo evoca la flessione dorsale (o estensione plantare) dell'alluce e l'apertura "a ventaglio" delle altre dita, determinando quindi l'inversione del riflesso cutaneo plantare. Tale fenomeno si chiama appunto "segno di Babinski".

Altre manovre semeiologiche sono in grado di elicitare l'estensione dell'alluce, ed hanno lo stesso significato del segno di Babinski. Queste sono il segno di Oppenheim (che si evoca strisciando il proprio pollice unito all'indice lungo la cresta tibiale del paziente, partendo dal ginocchio verso il piede), il segno di Chaddock (che si elicita strisciando una punta smussa lungo il margine del malleolo esterno verso la parte anteriore del piede), la compressione con entrambe le mani del polpaccio, la compressione del tendine d'Achille, il tirare verso l'esterno e verso il basso il quarto dito.
Nei casi dubbi, è possibile combinare in maniera sinergistica la manovra di Babinski con quella di Oppenheim, e le altre manovre, inducendo un rinforzo della risposta in estensione dorsale.

Significato patologico[modifica | modifica wikitesto]

Segno di Babinski in un neonato.

Tale risposta anomala sarebbe dovuta al mancato controllo, da parte dei centri nervosi superiori lesionati, del riflesso spinale di allontanamento dagli stimoli nocivi. In accordo con tale ipotesi, è da notare che nei neonati, nei quali lo sviluppo del sistema nervoso centrale non è ancora completo, il riflesso plantare cutaneo è normalmente in estensione dorsale (come del resto può avvenire in alcune fasi del sonno in cui si allenta il controllo corticale sui riflessi). La risposta in flessione plantare è generalmente evocabile in soggetti di età superiore ad un anno. Alcuni autori sostengono che questa particolarità sarebbe raffigurata dal Botticelli in una sua opera, come riportato in un articolo del "Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry" nel 2002.[non chiaro][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Babinski J., Du phénomène des orteils et de sa valeur semiologique. Semaine Médicale, 1898, 18, 321–2
  2. ^ Kenneth Walker, The Plantar Reflex [1], Clinical Methods: The History, Physical, and Laboratory Examinations. Chapter 73.
  3. ^ AA. VV., The Babinski sign, Lance J Neurol Neurosurg Psychiatry, 2002; 73: 360-362.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stephen L. Hauser, Harrison: Neurologia clinica, Milano, McGraw-Hill, 2007, ISBN 978-88-386-3923-4.
  • Kenneth H. Walker, Hall WD, Hurst JW, Clinical Methods: The History, Physical, and Laboratory Examinations, Boston, Butterworths, 1990, ISBN 0-409-90077-X.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Articolo pubblicato nel 1956 sulla rivista "Brain"[2]
  • Articolo pubblicato nel 1959 sulla rivista "Brain"[3]
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina