Somnium Scipionis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il manoscritto medievale del Commentariorum in Somnium Scipionis di Macrobio.

Somnium Scipionis (in lingua italiana Sogno di Scipione) è il nome con cui viene identificato un celebre brano del trattato De re publica di Marco Tullio Cicerone (composto nel 54 a.C.) corrispondente all'ultima parte del sesto libro. In esso sono trattati temi di contenuto filosofico-mistico come l'immortalità dell'anima, il premio ultraterreno destinato ai grandi uomini politici benefattori della patria, l'esistenza di un aldilà.

Il poeta pagano tardo-imperiale Ambrogio Teodosio Macrobio scrisse il Commentarii in Somnium Scipionis, in due volumi sul Somnium. Favonio Eulogio, un retore africano di epoca tarda, allievo di S. Agostino, scrisse la Disputatio de somnio Scipionis. Il filosofo Anicio Manlio Torquato Severino Boezio riporta il Somnium Scipionis nel suo trattato De musica per commentarlo e trattare dell'armonia cosmica. Il libro ebbe inoltre fortuna nella tarda antichità e nel Medioevo a motivo della sua affinità con la dottrina cristiana sulla vita eterna.

È stato paragonato al mito di Er ne La Repubblica di Platone, a cui la Repubblica di Cicerone sembra essere una risposta.

Verrà in seguito ripreso quest'episodio da Seneca nella raccolta Dialogi e precisamente nell'opera Ad Marciam de Consolatione, nella quale l'autore latino vuole consolare Marcia, figlia di un censurato autore dell'età di Tiberio, Cremuzio Cordo, per la morte del figlio. Dopo aver elogiato la donna per aver conservato e ripubblicato le opere del padre alla fine dell'impero di Claudio, descrive l'episodio simile a quello proposto da Cicerone nel quale il figlio morto di Marcia, incontra il nonno Cremuzio Cordo e, con questo, entra a far parte di quelle anime privilegiate descritte dall'autore latino.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

L'Universo, con al centro la Terra, sorretto dai giganti, nel Commentarii in Somnium Scipionis di Macrobio.

Il brano è il racconto di Scipione Emiliano (protagonista del trattato ciceroniano) di un sogno, nel quale gli era apparso il nonno adottivo Scipione l'Africano. In questo sogno, racconta l'Emiliano, costui gli aveva predetto le sue glorie future e la sua morte prematura, mostrandogli però successivamente una visione delle sfere celesti e spiegando che il premio riservato dagli dèi alle anime degli uomini politici virtuosi sarebbe stato l'immortalità dell'anima e una dimora eterna nella Via Lattea.

Affermando l'immortalità dell'anima e l'esistenza di un premio celeste per le buone azioni degli uomini, così come di un aldilà, Cicerone espone pertanto la sua visione del cosmo, in cui nella Via Lattea trovano pace le anime che hanno in vita operato per il bene dello stato.

Il Somnium come opera distinta[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo Somnium Scipionis non risale all'opera di Cicerone che, invece, indica il sogno di Emiliano con il termine visum; infatti, nonostante il brano sia arrivato a noi di fatto come un'opera a sé stante, nelle intenzioni dell'autore esso era semplicemente una parte del sesto libro del suo trattato (il De re publica). Cicerone, per riferirsi a esso, usa pertanto l'espressione "sesto libro", come sembra fare nella lettera ad Attico VII 3,2:

(LA)

« illum virum, qui in sexto libro informatus est »

(IT)

« quell'uomo, del quale siamo informati nel sesto libro »

(Attico VII 3,2)

L'esigenza di un titolo specifico (e cioè dell'identificazione come opera a sé) si è verosimilmente fatta sentire nell'atto stesso del distacco del Somnium dal sesto libro, ed è poi rimasta immutata in tutta la tradizione. Infatti il brano, che rappresenta circa l'80% del sesto libro − ventuno capitoli su ventisei −, ne è certamente la parte più significativa, almeno da quanto si può dedurre dagli sparuti frammenti, giunti per tradizione indiretta, dei primi cinque capitoli

Allo stesso modo, i motivi della tradizione manoscritta separata del Somnium rispetto al De re publica sono da ricercare nella particolare natura di questo testo nei confronti dell'opera complessiva: se il trattato illustra infatti un modello di costituzione repubblicana che, nei fatti, era già superato nell'epoca in cui veniva composto, esso non riscuoteva dunque più interesse nell'età dell'Impero; anzi, il solo fatto di appellarsi alla visione ciceroniana dello Stato poteva essere indice di una forma di opposizione al principato. Al contrario, il Somnium acquisì nella tarda antichità un notevole interesse a motivo della sua impostazione neoplatonica assimilabile a quella cristiana.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]