Sigerico di Canterbury

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sigerico di Canterbury (950 circa – 28 ottobre 994) è stato un arcivescovo cattolico britannico, arcivescovo di Canterbury a partire dal 990. Nei paesi anglosassoni è noto anche come Sigeric the Serious (S. il Serioso).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu istruito presso l'abbazia di Glastonbury, dove fu pure ordinato monaco. Tra il 975 e il 990 fu nominato abate dell'abbazia di Sant'Agostino e, tra il 985 e il 986, fu consacrato vescovo di Ramsbury e Sonning da Dustan, arcivescovo di Canterbury. Potrebbe essere stato anche un discepolo di quest'ultimo.
Quando era abate, Alfrico gli dedicò un libro di omelie tradotte. Sempre in questo periodo, Sigerico consigliò a re Etelredo la fondazione dell'abbazia di Cholsey, nel Berkshire, in onore di re Edoardo il Martire.

Attorno al 990 si recò a Roma per ricevere dalle mani del Pontefice Giovanni XV il pallio, simbolo della dignità arcivescovile. La sua notorietà odierna è infatti legata essenzialmente al ritrovamento del diario di viaggio di ritorno, dove sono annotate le 80 tappe di quella che sarebbe stato chiamato Itinerario di Sigerico e nei secoli successivi Via Francigena.

Nel 991 convinse re Etelredo a pagare un tributo di 10.000 sterline d'argento al re danese Sweyn che aveva invaso l'Inghilterra. In seguito Sweyn pretese ulteriori tributi, conosciuti come danegeld. Nel 994 lo stesso Sigerico fu costretto a pagare i danesi perché risparmiassero la Cattedrale di Canterbury.

Morto il 28 ottobre del 994, fu sepolto nella chiesa del Cristo, presso la Cattedrale di Canterbury in Christ Church, Canterbury. A Glastonbury lasciò alcuni preziosi arazzi e alla chiesa di Sonnig una ricca collezione di libri.

L'itinerario di Sigerico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Itinerario di Sigerico.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Arcivescovo di Canterbury Successore Archbishcantarms.png
Etelgaro 990 - 28 ottobre 994 Alfrico

Controllo di autorità VIAF: 81226218 LCCN: nr92018591