Siclo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la vecchia valuta ufficiale d'Israele, vedi Vecchio siclo israeliano.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'attuale valuta ufficiale d'Israele, vedi Nuovo siclo israeliano.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la concezione di "mente" nella Cabala, vedi Rav Maskil#Shekel: la mente.

Il siclo (sheqel in ebraico) è un'antica unità di peso. Era in uso nel medio oriente e nella Mesopotamia. Per lo più si intende un'antica unità di peso ebraica. Il termine deriva dal verbo ebraico "shaqal", che significa "pesare"[1]. Il valore è notevolmente variato nel tempo e nei diversi luoghi.

Con lo stesso nome si indicavano monete sia in argento che in oro del peso di un siclo. Sia i fenici che gli ebrei battevano sicli. In Mesopotamia veniva valutato 1/16 di darico (7,5 oboli attici), cioè mezzo grammo di oro.

L'uso di unità di peso come unità monetarie era comune nel mondo antico fino al Medioevo e ne è rimasta traccia fino ad oggi nel linguaggio: in inglese la parola pound indica sia la libbra che la sterlina, mentre in italiano le parole lira e libbra derivano entrambe dal latino libra, "bilancia".

Il peso del siclo ebraico poteva variare tra i 10 e i 13 grammi. Un siclo valeva 20 ghere e venti sicli formavano una mina. Un talento era pari a 3000 sicli (circa 30–40 kg) come si ricava da Esodo 38, 25-26. L'armatura di bronzo del gigante Golia pesava 5000 sicli (1 Samuele 17, 5), cioè 50 – 65 kg.

Si pensa che i "30 pezzi d'argento" di Giuda fossero sicli di Tiro. Un siclo d'argento era allora il salario giornaliero di un bracciante.

L'attuale moneta di Israele ha nome siclo (sheqel).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Etimologia : siclo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

numismatica Portale Numismatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di numismatica