Obolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'Obolo di San Pietro, vedi Obolo di San Pietro.
Metaponto
SNGANS 554.jpg
Demetra "ΟΒΟΛΟΣ" - Spiga di grano
Æ obolo

Un obolo (in greco antico ὀβολός, traslitterato in obolòs, "spiedo di ferro", che inizialmente era usato per il baratto delle merci) era nell'antica Grecia una piccola moneta divisionale con un valore di 8 Chalkus.

Descrizione e valore[modifica | modifica sorgente]

Sei oboli valevano una Dracma (una dracma era un pugno di sei spiedi). 6000 Dracme erano equivalenti ad un Talento attico.

Inizialmente l'obolo era battuto su monete d'argento. Più tardi fu battuto su monete di rame. Esiste una moneta di Metaponto sulla quale si legge la parola ΟΒΟΛΟΣ. Secondo Plutarco, gli Spartani avevano un obolo di ferro del valori di quattro chalkus.

L'obolo era anche una misura di peso. Nell'antica Grecia era definito come un sesto di dracma, cioè circa 0.5 gr. Nell'antica Roma valeva un 1/48 dell'oncia romana, cioè circa 0.57 g. Nella Grecia moderna è equivalente a un decigrammo.

Un piccolo "obelos" era un "obelisco".

Origine del significato attuale[modifica | modifica sorgente]

Nel Medioevo avevano questo nome le monete da mezzo denaro.

Il termine è usato anche oggi nel senso figurato di piccola moneta tassa, piccola donazione o piccolo contributo; questo significato proviene dal ruolo che questa moneta ebbe nella mitologia greca.

Questa piccola moneta veniva messa sotto la lingua ai Greci morti nell'antichità, prima che fossero sepolti:serviva a pagare il barcaiolo Caronte come pedaggio per traghettare il morto sopra il fiume Acheronte, e sopra i fiumi Cocito e Stige, nel regno dei morti, l'Ade.

Ogni Greco aveva l'obbligo di dare questa moneta ai propri morti per impedire che la loro anima vagasse senza pace nel regno delle tenebre.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]