Sergej Mašera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sergej Mašera (Gorizia, 11 maggio 1912Bocche di Cattaro, 17 aprile 1941) è stato un ufficiale jugoslavo.

Dopo la Prima guerra mondiale, la famiglia di Mašera dovette trasferirsi a causa delle mutate condizioni politiche nella Carinzia slovena, e di lì presto a Lubiana, dove il giovane frequentò il ginnasio che concluse nel 1929. Successivamente si iscrisse all'Accademia di Marina a Ragusa di Dalmazia. Allora, la carriera militare, specie in marina, era traguardo molto ambìto per la gioventù, a causa del prestigio e della buona posizione economica che ne derivava. Sergej terminò gli studi in accademia nel 1932 come il quinto miglior cadetto di quell'anno. Alcuni anni lavorò sulla nave "Sitnica". Era particolarmente attratto dall'artiglieria; così colse subito l'occasione che gli si presentò di un corso in tal senso a Kumbor, nelle Bocche di Cattaro, che portò con successo a compimento. Successivamente venne trasferito a Zemun, dove sostenne un esame per il passaggio di grado. Fu poi mandato in Svezia, e collaborò all’armamento del cacciatorpediniere “Beograd”, al quale fu assegnato dopo la sua assunzione nella flotta del Regno di Jugoslavia. Subito prima dello scoppio della II Guerra Mondiale fu assegnato alla cacciatorpediniere "Zagreb" in qualità di ufficiale d’artiglieria. Quando la guerra mise piede sul suolo jugoslavo, quest'imbarcazione si trovava nelle Bocche di Cattaro, la base più importante della marina del Regno di Jugoslavia. In quei giorni, lì erano ormeggiati anche il cacciatorpediniere "Beograd" e il "Dubrovnik". Gli equipaggi erano inquieti: riguardo allo svolgersi degli eventi bellici, le notizie erano frammentarie o addirittura false, e sempre in allarme nell'eventualità di attacchi aerei italo-tedeschi. Quando l'esercito jugoslavo capitolò alle Potenze dell’Asse, '’equipaggio del cacciatorpediniere Zagreb lasciò la nave. Vi rimasero solo i due ex compagni d'accademia, Milan Spasić e Masera, appunto. Perché l'unità di marina non cadesse in mano nemica, si fecero saltare per aria insieme ad essa il 17 aprile 1941. Furono proclamati eroi entrambi nel 1973. Il museo della marina di Pirano già dal 1967 è dedicato a Mašera.