Saxo Grammaticus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prima pagina delle Gesta Danorum (Frammento di Angers)

Saxo Grammaticus, in italiano Sàssone il Grammatico (1150 circa – 1220 circa), è stato uno storico medievale danese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Della sua vita non si sa praticamente nulla. La sua esistenza ci è nota principalmente per i sedici libri della coeva storia danese, noti come Gesta Danorum 'le imprese dei Dani', che sono a lui attribuiti.

Sappiamo che era un "seguace" dell'arcivescovo Absalon di Lund, il che probabilmente significa che lavorava nell'amministrazione arcivescovile; non è noto il suo ruolo, ma si pensa che possa essere stato un chierico.

Nel testamento di Absalon, viene condonato un debito di due marchi e mezzo d'argento a un chierico di nome Saxo, e gli si chiede di restituire due manoscritti che si era fatto prestare dal monastero di Sorø. Di una dozzina tra Saxo o commenti su Saxo trovati nelle fonti danesi del tempo, questo è l'unico testo che in genere si accetta essere sul Saxo Grammaticus; ma non c'è alcuna evidenza definitiva che in effetti il Saxo nominato da Absalon sia il nostro Saxo Grammaticus.

Nella prefazione dei Gesta Danorum, Saxo stesso scrive che suo padre e suo nonno hanno entrambi servito sotto il re Valdemaro I come guerrieri e che lui vuole servire il re Valdemaro II, ma in un modo più spirituale. Queste poche righe sono le uniche informazioni certe che abbiamo su di lui. Si pensa che sia nato in Selandia, o almeno così dicono fonti più tarde. Il suo latino elegante e la conoscenza dell'antica Roma mostrata nei Gesta Danorum fanno credere che sia stato educato fuori dalla Danimarca, forse in una delle grandi scuole clericali in Francia.

Saxo Grammaticus non è il suo nome. Ricevette l'appellativo di Grammaticus, la parola latina per un insegnante di lettere, nel Compendium Saxonis della Chronica Jutensis scritta intorno al 1342, come espressione di apprezzamento per il suo uso delle parole. Con la pubblicazione a stampa della versione dei Gesta Danorum da parte di Christiern Pedersen nel 1514, il termine Grammaticus è rimasto parte del suo nome.

L'unico nome che gli fu attribuito si trova nella Chronica Sialandie (in danese: Ældre Sjællandske Krønike), nell'anno 1103, in cui viene chiamato Saxo, cognomine Longus cioè, più o meno, Saxo, detto il lungo.

Gesta Danorum[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gesta Danorum.

L'influenza dei Gesta Danorum fu enorme e fino all'inizio del '900 gli storici danesi utilizzavano acriticamente la sua versione degli eventi del XII secolo. Oggi si sottolinea la parzialità, le omissioni e la visione aristocratico-militare del libro, che non viene più considerato una fonte storica attendibile ma resta un capolavoro di stile. Probabilmente fu la sua versione della saga del principe danese Amled a ispirare l'Amleto shakespeariano.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 306339980 LCCN: n79117370