Runar Berg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Runar Berg
Runar Berg.jpg
Dati biografici
Nazionalità Norvegia Norvegia
Altezza 179 cm
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Junkeren Junkeren
Carriera
Squadre di club1
1988-1989 Bodo/Glimt Bodø/Glimt  ? (?)
1990 Rosenborg Rosenborg 10 (0)
1991 Tromso Tromsø 18 (2)
1992-1996 Bodo/Glimt Bodø/Glimt 111 (29)
1997-1999 Rosenborg Rosenborg 69 (13)
1999-2001 Unione Venezia Venezia 30 (2)
2001 Lyn Oslo Lyn Oslo 23 (3)
2002-2010 Bodo/Glimt Bodø/Glimt 200 (41)
2012- Junkeren Junkeren  ? (?)
Nazionale
1986
1987
1988
1994-2003
Norvegia Norvegia U-15
Norvegia Norvegia U-16
Norvegia Norvegia U-18
Norvegia Norvegia
9 (0)
6 (0)
1 (0)
5 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 aprile 2012

Runar Berg (L'Aia, 7 ottobre 1970) è un calciatore norvegese, centrocampista dello Junkeren.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È il figlio del giocatore del Bodø/Glimt, Harald Berg.[1] Anche lui, come i fratelli Ørjan e Arild, giocò a calcio a livello professionistico.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Berg cominciò la carriera con la maglia del Bodø/Glimt, militandovi per due stagioni nella 2. divisjon, tra il 1988 e il 1989.[2] Fu poi acquistato dal Rosenborg, per cui poté esordire nella 1. divisjon in data 29 aprile 1990, subentrando a Sverre Brandhaug nel secondo tempo della sfida pareggiata per 0-0 contro il Tromsø.[3] Dopo 10 presenze in campionato (vinto dalla sua stessa squadra), per la stagione successiva si trasferì proprio al Tromsø.

Il primo incontro in squadra fu datato 28 aprile 1991, quando fu schierato titolare nel pareggio per 1-1 contro la sua ex squadra del Rosenborg.[4] Con questa maglia realizzò anche la prima rete nella massima divisione norvegese, contribuendo al successo della squadra per 0-2 sul campo dello Strømsgodset.[5] A fine stagione, totalizzò 18 presenze e 2 reti.

L'affermazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1992, fece ritorno al Bodø/Glimt, militante nel gruppo A della 1. divisjon. Collezionò 20 presenze e 6 reti, aiutando la formazione a raggiungere la promozione nell'Eliteserien. Dal 1993 al 1996 giocò allora nella massima divisione con questa maglia, totalizzando 91 presenze e 23 reti. Nel 1997 tornò a giocare nel Rosenborg e vi rimase fino al 1999, giocando anche nella Champions League.

Ad agosto 1999 fu acquistato dal Venezia di Maurizio Zamparini, allenato da Luciano Spalletti.[6] Debuttò in Serie A il 12 settembre, sostituendo Giuseppe Iachini nella sconfitta per 2-1 in casa del Torino.[7] Il 30 gennaio 2000 segnò la prima rete, in una partita che si concluse con il punteggio di 2-2, ancora contro il Torino.[8] La squadra non riuscì a raggiungere la salvezza, retrocedendo in Serie B. Iniziò anche la stagione seguente con i lagunari, per poi essere ceduto a titolo definitivo.

Il rientro in patria[modifica | modifica sorgente]

Fu allora ingaggiato dal Lyn Oslo, per cui esordì il 16 aprile 2001, quando fu impiegato dall'inizio della sfida contro lo Strømsgodset, conclusasi con un pareggio per 2-2.[9] Il 13 maggio segnò la prima rete, consentendo alla sua squadra di ottenere un pareggio nei minuti finali della sfida contro lo Stabæk, che terminò 1-1.[10] Tra campionato e coppa, disputò 25 incontri e segnò 3 reti, venendo scelto come calciatore dell'anno del Lyn Oslo per le sue prestazioni.[11]

Nel 2002 tornò nuovamente al Bodø/Glimt. Giocò nella massima divisione per le successive quattro stagioni ma, al termine del campionato 2005, il club retrocesse nella 1. divisjon. La formazione riconquistò la promozione nell'Eliteserien soltanto due anni più tardi.

Le ultime stagioni e il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Dunque, nel 2008, il Bodø/Glimt tornò nella massima divisione. A causa delle forti difficoltà finanziare della società, l'obiettivo della salvezza era visto dai media come molto difficile da raggiungere.[1] La squadra giocò però un calcio semplice, difendendosi e ripartendo in contropiede: Berg fu un calciatore fondamentale per questa tattica, poiché era l'artefice dei lanci per i compagni d'attacco, che potevano così colpire in ripartenza.[1] Il centrocampista, ancora piuttosto agile per la sua età, si liberava spesso anche per un passaggio di ritorno.[1] Il club riuscì così a raggiungere la salvezza. Berg decise poi di giocare per il campionato 2009 a titolo gratuito.[12] Il calciatore motivò questa scelta poiché, come già detto, il Bodø/Glimt si trovava in difficoltà economica e che il club avesse bisogno di soldi più di quanto ne avesse lui.[12] Bjørn Tore Hansen, dirigente della squadra, apprezzò la decisione di quello che sarebbe diventato, secondo il suo pensiero, una leggenda del club.[12] A fine stagione, però, la squadra retrocesse in 1. divisjon.

Il 20 settembre 2010, Berg annunciò la volontà di ritirarsi dal calcio giocato.[13] Dichiarò di aver preso la decisione definitiva il giorno prima, in occasione di una sfida contro il Sandnes Ulf, quando fu sostituito dall'allora diciassettenne Daniel Berntsen.[13] Il centrocampista confessò d'essersi reso conto di togliere il posto a calciatori promettenti come Berntsen e che questo fosse il momento per farsi da parte.[13]

Il calcio dilettantistico[modifica | modifica sorgente]

Il 13 marzo 2012 fu reso noto il suo ritorno in campo, seppure a livello dilettantistico: si accordò con lo Junkeren, club di Bodø.[14]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Berg conta 5 presenze per la Norvegia.[15] Esordì il 15 gennaio 1994, quando sostituì Kjetil Rekdal nella sconfitta in amichevole contro gli Stati Uniti per 2-1, a Phoenix.[16]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 24 aprile 2012.

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Supercoppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1988 Norvegia Bodø/Glimt 2D  ? 3 CN  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1989 2D  ? 3 CN  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1990 Norvegia Rosenborg 1D 10 0 CN  ?  ? CU  ?  ? - - -  ?  ?
1991 Norvegia Tromsø ES 18 2 CN  ?  ? CU 1 0 - - -  ?  ?
1992 Norvegia Bodø/Glimt 1D 20 6 CN  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1993 ES 22 11 CN  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1994 ES 21 5 CN  ?  ? CC 2 0 - - -  ?  ?
1995 ES 24 2 CN  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1996 ES 24 5 CN  ?  ? CU 2 1 - - -  ?  ?
1997 Norvegia Rosenborg ES 25 6 CN  ?  ? UCL 6 0 - - -  ?  ?
1998 ES 26 5 CN  ?  ? UCL 5 0 - - -  ?  ?
gen.-ago. 1999 ES 18 3 CN  ?  ? UCL - - - - -  ?  ?
Totale Rosenborg 79 13  ?  ?  ?  ? - -  ?  ?
1999-2000 Italia Venezia A 28 2 CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
2000-gen. 2001 B 2 0 CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
Totale Venezia 30 2  ?  ? - - - -  ?  ?
2001 Norvegia Lyn Oslo ES 23 3 CN 2 0 - - - - - - 25 3
2002 Norvegia Bodø/Glimt ES 23 5 CN 2 1 - - - - - - 25 6
2003 ES 21 8 CN 5 3 - - - - - - 26 11
2004 ES 20+2[17] 4+1 CN 4 4 CU 4[18] 2 - - - 30 11
2005 ES 22 6 CN 4 1 - - - - - - 26 7
2006 1D 22 8 CN  ?  ? - - - - - -  ?  ?
2007 1D 29+2[17] 4+1 CN  ?  ? - - - - - - 26 7
2008 ES 25 1 CN 2 0 - - - - - - 27 1
2009 ES 24 0 CN 3 0 - - - - - - 27 0
2010 1D 17 5 CN  ?  ? - - - - - -  ?  ?
Totale Bodø/Glimt  ?  ?  ?  ? 8 3 - -  ?  ?
2012 Norvegia Junkeren 4D 0 0 CN 0 0 - - - - - - 0 0
Totale  ?  ?  ?  ?  ?  ? - -  ?  ?

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Norvegia Norvegia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
15/01/1994 Phoenix Stati Uniti Stati Uniti 2 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
19/01/1994 San Diego Norvegia Norvegia 2 – 1 Costa Rica Costa Rica Amichevole -
06/02/1995 Larnaca Norvegia Norvegia 7 – 0 Estonia Estonia Qual. Euro 1996 -
08/02/1995 Nicosia Cipro Cipro 0 – 2 Norvegia Norvegia Amichevole -
15/11/2003 Valencia Spagna Spagna 2 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2004 -
Totale Presenze 5 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Rosenborg: 1990, 1997, 1998
Rosenborg: 1990
Bodø/Glimt: 1993

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) The Curious Case of Runar Berg, nordicfootball.info. URL consultato il 07-02-2012.
  2. ^ (EN) Runar Berg, playerhistory.com. URL consultato il 07-02-2012.
  3. ^ (NO) Rosenborg - Tromsø IL 0 - 0, fotball.no. URL consultato il 07-02-2012.
  4. ^ (NO) Rosenborg - Tromsø IL 1 - 1, fotball.no. URL consultato il 07-02-2012.
  5. ^ (NO) Strømsgodset IF - Tromsø IL 0 - 2, fotball.no. URL consultato il 07-02-2012.
  6. ^ Dejan Petkovic: il sostituto di Recoba a Venezia, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 07-02-2012.
  7. ^ Torino 2 - 1 Venezia, wikicalcioitalia.info. URL consultato il 07-02-2012.
  8. ^ Venezia 2 - 2 Torino, wikicalcioitalia.info. URL consultato il 07-02-2012.
  9. ^ (NO) Lyn 2 - 2 Strømsgodset, altomfotball.no. URL consultato il 07-02-2012.
  10. ^ (NO) Lyn 1 - 1 Stabæk, altomfotball.no. URL consultato il 07-02-2012.
  11. ^ (NO) Runar Berg, lynfotball.net. URL consultato il 07-02-2012.
  12. ^ a b c Il meglio della settimana, uefa.com. URL consultato il 07-02-2012.
  13. ^ a b c (NO) Runar Berg legger opp på dagen, dagbladet.no. URL consultato il 07-02-2012.
  14. ^ (NO) Runar Berg gjør comeback, aftenposten.no. URL consultato il 24-04-2012.
  15. ^ (NO) Runar Berg, fotball.no. URL consultato il 07-02-2012.
  16. ^ (NO) USA - Norge 2 - 1, fotball.no. URL consultato il 07-02-2012.
  17. ^ a b Presenze e reti nelle qualificazioni all'Eliteserien.
  18. ^ Due presenze e un gol nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]