Romanogobio kesslerii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gobione del Kessler
Romanogobio kesslerii Homoki küllő.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Ittiopsidi
Classe Actinopterygii
Infraclasse Teleostei
Ordine Cypriniformes
Famiglia Cyprinidae
Sottofamiglia Gobioninae
Genere Romanogobio
Specie R. kesslerii
Nomenclatura binomiale
Romanogobio kesslerii
Dybowski, 1862
Sinonimi

Gobio kessleri, Romanogobio kessleri, Gobio kesslerii

Il gobione del Kessler o gobione di sabbia (Romanogobio kesslerii) è un pesce osseo di acqua dolce appartenente alla famiglia Cyprinidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Si trova bei bacini dei fiumi Dniestr, Vistola e negli affluenti del Danubio, in cui non esiste nel corso principale.

Vive in acque turbinose ed a corrente molto forte nei fiumi di montagna o di alta collina. Frequenta esclusivamente fondi sabbiosi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È molto simile al gobione comune da cui si distingue sia per i barbigli nettamente più lunghi che superano l'occhio se tirati indietro che per il peduncolo caudale più snello ed affusolato, l'ano più vicino alle pinne ventrali che alla pinna anale ed altri piccoli particolari. Le scaglie dorsali sono percorse da piccole creste epiteliali (tipiche di quasi tutti i Romanogobio) ben visibili con una lente ma che possono scomparire se il pesce è preso in mano o conservato con scarsa cura.

Il dorso è grigio o verdastro, spesso con ampie macchie scure con riflessi azzurri disposte regolarmente. Sui fianchi, subito sopra la linea laterale, c'è una fascia scura più o meno visibile. Al di sotto di questa fascia il corpo ha colore chiaro. La pinna dorsale e la pinna caudale presentano macchie scure di solito fuse a formare una banda sulla dorsale e due o tre sulla caudale.

Raggiunge al massimo i 13 cm.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Vive in branchi. Non effettua migrazioni. Ha attività diurna.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si ciba di invertebrati bentonici e, spesso, di insetti trasportati dalla corrente.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Avviene tra maggio e settembre, le uova vengono deposte poche alla volta per tutto questo lungo periodo. Le uova sono deposte in acqua libera e per un certo tempo fluttuano liberamente nella corrente prima di cadere sul fondo ed attaccarsi agli ostacoli subacquei.

Pesca[modifica | modifica sorgente]

La pesca è occasionale e viene consumato fritto assieme ad altri piccoli pesci.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La specie non è minacciata ma ci si aspetta una sua diminuzione numerica perché mal tollera l'inquinamento organico.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Pare che sotto il nome di Romanogobio kesslerii siano in realtà raccolte più specie strettamente affini.

Specie affini[modifica | modifica sorgente]

Romanogobio antipai (Banarescu, 1953) è una specie molto simile a R. kesslerii, nota solo per la parte terminale del Danubio[2]. Questa specie sembra estinta negli anni '60 per ragioni ignote[3].

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bruno S., Maugeri S. Pesci d'acqua dolce, atlante d'Europa, Mondadori 1992
  • Kottelat M., Freyhof J. Handbook of European Freshwater Fishes, Publications Kottelat, Cornol (CH), 2007

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Romanogobio kesslerii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ Romanogobio antipai : fisheries
  3. ^ Romanogobio antipai (Danube Delta Gudgeon)
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci