Quapaw

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bandiera dei Quapaw

I Quapaw sono una tribù di Nativi Americani stanziata nella Contea di Ottawa, Oklahoma. Un tempo erano stanziati ad ovest del Mississippi. Socializzarono ben presto con i colonizzatori francesi ma ora sono quasi estinti.

Lingua[modifica | modifica sorgente]

I Quapaw parlavano il Dhegila, un dialetto della famiglia linguistica Siouan. Questa lingua venne documentata per la prima volta da James Owen Dorsey nel XIX secolo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La preistoria[modifica | modifica sorgente]

Centinaia di anni fa i Quapaw erano uniti ad altre tribù. Questo gruppo era chiamato Dhegila Sioux. Si divisero in varie tribù: gli Osage, i Ponca, i Kansa e gli Omaha. I Quapaw si spostarono a sud e si stanziarono nell'attuale Arkansas, a ovest del Mississippi. Si divisero in quattro villaggi alla foce del fiume Arkansas. Qui rimasero fino al contatto con gli europei.

L'arrivo degli europei[modifica | modifica sorgente]

Come molte altre tribù, i Quapaw furono colpiti da malattie portate dagli europei. I primi ad avere contatti con i Quapaw furono i francesi. Nel 1673 due soldati francesi, Jaquis Marquette e Louis Joliet, costeggiarono il Mississippi nel tentativo di raggiungere l'Oceano Pacifico. Furono fermati in un villaggio Quapaw dove capirono che il Mississippi sfocia nel Golfo del Messico. Dopo questo fatto i Quapaw furono visitati da molti altri colonizzatori europei. Purtroppo questo popolo venne decimato a causa delle malattie portate dagli europei. Oggi i Quapaw vivono nelle riserve indiane dell'Arkansas.

Religione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1700 i Quapaw veneravano un dio chiamato Wakondah o Wakontah insieme a tutta la natura che li circondava. Lo sciamano aveva il potere di curare le malattie e quindi era molto rispettato. I Quapaw rispettavano i colonizzatori europei e li curavano. Questo permise loro di sopravvivere avendo un certo rispetto per i colonizzatori.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]