Quando tutto cambia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quando tutto cambia
Quando tutto cambia.jpg
Bette Midler e Helen Hunt in una scena del film
Titolo originale Then She Found Me
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2007
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85 : 1
Genere commedia romantica
Regia Helen Hunt
Soggetto Elinor Lipman
Sceneggiatura Alice Arlen, Victor Levin, Helen Hunt
Distribuzione (Italia) Medusa Film
Fotografia Peter Donahue
Montaggio Pam Wise
Musiche David Mansfield
Scenografia Stephen Beatrice
Interpreti e personaggi
« Le scelte migliori sono fuori programma. »
(Tagline del film)

Quando tutto cambia (Then She Found Me) è un film del 2007 diretto da Helen Hunt.

Il soggetto del film, che segna il debutto alla regia della Hunt, è tratto dall'omonimo romanzo del 1990 di Elinor Lipman.

Oltre la stessa Hunt, nel cast figurano Colin Firth, Bette Midler e Matthew Broderick; inoltre in una parte minore appare il controverso scrittore de I versi satanici, Salman Rushdie.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

April Epner, trentanovenne insegnante di New York, è sposata da meno di un anno, ma il suo matrimonio è già arrivato al punto che il marito decide di lasciarla, non condividendo il pressante bisogno di lei di avere un figlio. Lui va via di casa rifugiandosi da sua madre, e quasi contemporaneamente la madre di April, già malata, muore.

Qualche giorno dopo April, che fu adottata in tenerissima età, incontra per la prima volta Bernice, sua madre naturale, popolare presentatrice di talk show che irrompe nel suo quotidiano per rimediare agli errori del passato.

Nel frattempo April ha anche conosciuto Frank, affascinante neo-divorziato con due figli a carico, uno dei quali è anche un suo alunno. Con Frank la donna instaura un tenero rapporto che le fa dimenticare del tutto l'immaturo marito e la proietta verso una storia potenzialmente molto solida.

La mamma ritrovata, prima le nasconde la reale identità del padre, in effetti scomparso, poi le mente sulle circostanze del suo abbandono, facendo vacillare la fiducia che faticosamente le era stata accordata. Intanto April scopre di essere incinta, probabilmente a seguito dell'ultimo rapporto avuto con suo marito, e richiama lo stesso ad assumersi le proprie responsabilità, ricevendo intanto anche l'amorevole appoggio di Frank, col quale ormai la complicità è totale. Con Ben, però, pur non riuscendo più a scambiare una parola, si riaccende per un attimo la vecchia fiamma, con esiti peraltro deludenti. Frank, intuita la cosa, forse perché già traumatizzato in questo senso dalla sua ex moglie, rompe brutalmente con April.

Quando alla decima settimana di gravidanza abortisce, April sembra aver perso tutto, o quasi: il fratello adottivo resta al suo fianco e la fa riflettere sul senso della famiglia. April si rivolge allora alla facoltosa madre naturale per coronare il suo sogno con l'inseminazione artificiale. La mamma finanzia volentieri l'operazione ma soprattutto infonde nella figlia quella fiducia e forza d'animo che erano venute meno. Appena prima dell'intervento April riesce a riavvicinare Frank,e tra loro si riaprono le speranze.

Il film si chiude con April, la mamma e il fratello nella casa di Frank, insieme ai figli di lui. April esce e fuori c'è Frank che sta badando a una piccola bambina asiatica. Attraverso l'adozione, una nuova famiglia è nata.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito in Italia il 6 giugno 2008, distribuito dalla Medusa Film.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Inizialmente i diritti del romanzo di Elinor Lipman erano stati acquistati dalla Weaver's Weaver, casa di produzione di Sigourney Weaver, che avrebbe dovuto interpretare il ruolo di April.
  • Oltre alla partecipazione dello scrittore Rushdie, nel film appaiono, in semplici cameo, Edie Falco, Janeane Garofalo e Tim Robbins nelle parti di loro stessi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema