Pristiophoridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pristiophoridae
Sketchbook of fishes - 25. (Longnose) Saw shark - William Buelow Gould, c1832.jpg
Rappresentazione di un Pristiophorus cirratus, da Sketchbook of fishes di William Buelow Gould
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Pristiophoriformes
Berg, 1958
Famiglia Pristiophoridae
Bleeker, 1859
Generi

I Pristiophoridae (Bleeker, 1859) sono una famiglia di pesci che appartiene alla classe Elasmobranchii (pertanto si tratta di squali).

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Rappresentazione di un Pristiophorus nudipinnis.

Gli squali sega si differenziano dai pesci sega (Pristidae) per la diversa posizione delle branchie: negli squali sono situate prima delle pinne pettorali, invece nei Batoidei sono situate in posizione ventrale. Inoltre sono differenti per le diverse dimensioni, per la forma del rostro e soprattutto dei denti.

Questi piccoli squali non hanno la pinna anale, e presentano un muso allungato in un rostro seghettato, che ha denti fini di varia lunghezza.


Classificazione[modifica | modifica sorgente]

La famiglia Pristiophoridae comprende due generi:

Le quattro specie del genere Pristiophorus si differenziano per distribuzione e soprattutto per la diversa forma e distribuzione dei denti della sega.

Reperti museali in Italia[modifica | modifica sorgente]

In Italia una buona rappresentativa di squali ascritti a questa rara e particolare famiglia è conservata presso la Galleria nazionale dei Selachoidei di Avellino, ove sono custoditi con cura alcuni reperti appartenenti alle seguenti specie:

  • "Pristiophorus cirratus" (LATHAM, 1794) - Adelaide (Australia).
  • "Pristiophorus japonicas" GÜNTHER, 1870 - Hualien (Taiwan).
  • "Pristiophorus schroederi" SPRINGER & BULLIS, 1960 - Spiaggia di Venice, Florida (USA).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AAVV (1998), "Pristiophorus", in Gli squali, Novara 1998, Istituto Geografico De Agostani, pag. 140.
  • ERRARI Andrea - FERRARI Antonella (2000), "Pristiophoridae", in IDEM Tutto squali, Milano 2000, Arnoldo Mondadori, pp. 98, 243.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci