Paxillus involutus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Paxillus involutus
Paxillus involutus EtgHollande 041031 063.jpg
Paxillus involutus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Paxillaceae
Genere Paxillus
Specie P. involutus
Nomenclatura binomiale
Paxillus involutus
(Batsch) Fr., 1838
Caratteristiche morfologiche
Paxillus involutus
Cappello convesso icona.svg
Cappello convesso
Gills icon.png
Imenio lamelle
Decurrent gills icon2.svg
Lamelle decorrenti
Tan spore print icon.png
Sporata ocra
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Virante icona.svg
Carne virante
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Velenoso icona.png
Velenoso

Paxillus involutus (Batsch) Fr., Epicrisis systematis mycologici (Uppsala): 317 (1838)

Paxillus involutus 20061015w.jpg

Il Paxillus involutus è un bel fungo che fino a pochi anni fa era ritenuto un ottimo commestibile ed aveva un vasto numero di estimatori. Negli ultimi tempi ha rivelato invece una pericolosissima velenosità da accumulo, con effetti imprevedibili a lungo termine, specialmente se consumato crudo o poco cotto ma anche se viene ben cotto.
Nonostante i ripetuti casi di avvelenamento, anche gravissimi, in alcune regioni d'Italia questa specie viene ancora considerata una prelibatezza ed i suoi estimatori minimizzano riguardo alla sua pericolosità.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Convesso, poi spianato e leggermente imbutiforme, con margine fortemente involuto; vischioso a tempo umido, si macchia facilmente al tatto; colore olivastro od ocraceo, poi ruggine e infine nocciola o tabacco; 5–12 cm o più di diametro.

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Fitte, ondulate, decorrenti sul gambo; color ocra chiaro, poi brunastre al tocco; facilmente staccabili dal cappello.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

Cilindrico, quasi sempre curvo, pieno, concolore al cappello, diventa color castano al tocco e con l'età.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Molle, giallastra, all'aria vira nel bruno-rossiccio.

  • Odore: fruttato oppure di muffa.
  • Sapore: acidulo o amarognolo.

Spore[modifica | modifica wikitesto]

Color giallo sporco al microscopio, ocracee - ruggine in massa. Ellittiche, lisce e biguttulate senza poro germinativo. Dimensioni 6-10 x 5-7 µm.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nei boschi di latifoglie e conifere, nelle zone umide a tratti erbose, da giugno a novembre.

Paxillus involutus JPG1.jpg

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Nuvola apps important.svg
Molto velenoso, a volte anche mortale.

Le tossine o gli antigeni che causano la sindrome paxillica non sono stati identificati.
Il P. involutus contiene un composto naturale di ignota tossicità chiamato Involutina, un difenil-ciclopentenone.

A seguito di più pasti ravvicinati nel tempo (ma anche a distanza di anni!), può risultare molto velenoso, anche letale.
Per tale motivo tale specie deve essere considerata assolutamente non edule.

Sindrome paxillica[modifica | modifica wikitesto]

Non si tratta di un vero e proprio avvelenamento ma di una sindrome immunitaria che non colpisce tutti i micofagi indistintamente, bensì solo singoli individui.
Il fattore scatenante è un antigene ancora semi-sconosciuto che può risultare pericoloso solo per le persone predisposte.
La prima volta che viene consumato, detto antigene provoca la formazione di determinati anticorpi, in modo tale che, le volte successive, i globuli rossi della persona risulteranno "sensibilizzati" verso questo fungo.
Quando il fungo in questione viene consumato di nuovo, in particolar modo se dopo un lasso di tempo ravvicinato, può scatenare immediatamente una grave reazione immunoemolitica, anche con esito mortale se non adeguatamente curata.
La pericolosità consiste nel fatto che il micofago, abituandosi a consumare detto fungo (anche perché non accusa sintomi), lo offre ad altri commensali, aumentando la probabilità che in qualche individuo si scateni la predetta reazione immunitaria.

Specie responsabili
Paxillus rubicundulus e Paxillus involutus.
Latenza
12 ore o più prima del manifestarsi dei primi sintomi.
Sintomi
tipo gastro-intestinale (diarrea, nausea, vomito), successivamente crisi emolitica, sensibilità accentuata, emoglobinuria, ittero, anemia, collasso, shock; nei casi gravi morte.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • È noto che un grande micologo tedesco del passato, Julius Schäffer (1882-1944), specialista del genere Russula, morì per aver mangiato il Paxillus involutus. Schaffer normalmente studiava i funghi, non li mangiava. Nel 1944, a causa della Seconda guerra mondiale, vi fu una carestia più o meno diffusa: quindi egli consumò per fame quantitativi di P. involutus così ingenti da rimanere avvelenato mortalmente.
  • Alcuni testi di micologia giudicano addirittura mortale questa specie.
  • Secondo recenti studi, sembrerebbe che la micorrizazione di alcune piante (es. castagno) con il P. involutus oppure con altre specie fungine, fornisca una certa protezione contro l'attacco di funghi patogeni, come ad esempio la Phytophthora cinnamomi.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Genere: dal latino paxillus = bastoncino.

Specie: dal latino involutus = revoluto, per il margine del suo cappello arrotolato verso le lamelle.

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Agaricus adscendibus Bolton, Hist. fung. Halifax 2: 55 (1788)
  • Agaricus contiguus Bull., Herbier de la France: tab. 240 (1785)
  • Agaricus involutus Batsch, Elenchus fungorum, cont. prim. (Halle) 1: 39 (1786)
  • Omphalia involuta (Batsch) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 611 (1821)
  • Paxillus involutus var. excentricus Fr.

Nomi comuni[modifica | modifica wikitesto]

  • Involuto
  • Agarico accartocciato
  • Fungiu 'e castagna (dialetto Calabrese)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia