Paul Émile Botta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paul Émile Botta nato Paolo Emilio Botta (Torino, 6 dicembre 1802Achères, 29 marzo 1870) è stato un archeologo e storico italiano naturalizzato francese, fu console a Mossul (in quel periodo sotto l'Impero Ottomano) dal 1842. Egli era figlio di Carlo Botta, storico e politico piemontese.

Il consolato in Iraq[modifica | modifica wikitesto]

Botta, giunto in Iraq come console, diresse diversi scavi a Kuyundshik (sito dell'antica Ninive) e a Khorsabad (Dur-Sharrukin) a partire dal 1843. Inizialmente ritenne di aver trovato a Khorsabad le rovine di Ninive e non appena la notizia raggiunse la Francia il governo francese si affrettò a finanziare i suoi scavi. Così, nel 1846, numerose statue e reperti archeologici trovati da Botta furono inviati a Parigi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 24673155 · LCCN: n88020337 · GND: 116270861 · BNF: cb12333483x (data)