Pattinaggio a rotelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pattini a rotelle classici

Il pattinaggio a rotelle o schettinaggio è l'uso del pattino a ruote per viaggiare sul terreno. Viene praticato per hobby o per sport con l'utilizzo di varie tipologie di pattini:


Specialità[modifica | modifica sorgente]

Pattinaggio di velocità[modifica | modifica sorgente]

Pattinaggio artistico[modifica | modifica sorgente]

La Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio disciplina le seguenti specialità del pattinaggio artistico a rotelle[1]:

Storia[modifica | modifica sorgente]

  • 1743: Prima apparizione di pattini a rotelle durante un'esibizione su un palco londinese. L'inventore di questi pattini si è perso nella storia.
  • 1760: Invenzione dei pattini a rotelle da parte di John Joseph Merlin, che realizzò una versione primitiva dei pattini in linea con delle ruote in metallo.
  • 1818: Primo progetto brevettato di un pattino a rotelle, in Francia ad opera di M. Petitbled. Questi pattini erano molto simili agli odierni pattini in linea, ma non erano molto manovrabili, consentendo solo il movimento rettilineo e delle curve ad ampio raggio.
  • Per tutto il XIX Secolo gli inventori continuarono nel migliorare la progettazione dei pattini.
Una pubblicità di inizio XX Secolo che mostra un modello da calzare sopra le scarpe.
  • 1863: Il pattino con le quattro ruote disposte a coppie, fu per la prima volta creato a New York da James Leonard Plimpton nel tentativo di migliorare uno dei suoi precedenti progetti. Il pattino si appoggiava su un sistema a perno che usava un cuscinetto di gomma, il quale consentiva al pattinatore di curvare semplicemente piegandosi di lato. Fu un enorme successo, tanto da portare all'apertura della prima pista da pattinaggio nel 1866 a Newport, Rhode Island con l'aiuto di Plimpton. Il progetto del pattino quad consentì curve più facili e maggior manovrabilità, imponendolo come dominatore del mercato per più di un secolo.
  • 1876: William Brown a Birmingham in Inghilterra brevettò il suo progetto per le rotelle. I suoi sforzi erano diretti a rendere indipendenti le coppie di ruote dall'asse che le congiungeva. Brown lavorò a stretto contatto con Joseph Henry Hughes, detentore del brevetto dei cuscinetti a sfera per le biciclette. Questi due uomini sono perciò i creatori delle moderne ruote da pattinaggio e da skateboard. Questo fu sicuramente il più importante passo in avanti nell'utilizzo dei pattini come un piacevole passatempo.
  • 1876: Viene brevettato il freno a tampone. Questo permise di fermarsi rapidamente semplicemente premendo la punta del pattino contro l'asfalto. Il freno a tampone è utilizzato tuttora sui pattini artistici e su quelli in linea, anche se posizionato sul tacco.
  • 1880: I pattini venivano prodotti in massa in America. Fu il primo di molti boom dello sport.
  • 1884: Levant M Richardson brevettò l'utilizzo di cuscinetti a sfera in acciaio per ridurre l'attrito, consentendo il raggiungimento di velocità maggiori con minor sforzo.
    Il design del pattino artistico restò praticamente immutato, e rimase il modello di riferimento fino alla fine del XX Secolo.
  • 1979: Scott Olson e Brennan Olson di Minneapolis, Minnesota incapparono in un paio di pattini in linea creati negli anni sessanta dalla Chicago Roller Skate Company e, intuendo le potenzialità per allenarsi a hockey su ghiaccio senza il ghiaccio, riprogettarono i pattini utilizzando materiali moderni e una scarpa da hockey. Un paio di anni dopo Scott Olson iniziò a pubblicizzare i pattini e diede vita all'azienda Rollerblade Inc.

Verso la fine degli anni ottanta e all'inizio dei novanta, i pattini Rollerblade si rivelarono così ben riusciti da ispirare altre marche a realizzare dei modelli simili e il pattinaggio in linea divenne più popolare di quello tradizionale. Il termine Rollerblade entrò nel gergo comune, tanto da arrivare ad indicare i pattini in linea, un po' come avvenne ad esempio per lo scotch.

Durante il periodo iniziale la scarpetta era normalmente di plastica rigida, simile agli scarponi da sci. Verso il 1975 la scarpetta morbida fece la sua comparsa, e aiutò a promuovere l'utilizzo del pattino come strumento per il fitness. Nei primi anni 2000 l'uso della scarpetta rigida fu relegato a discipline più particolari, come l'aggressive o il freestyle

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Albo D'oro Artistico

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) James Turner, Michael Zaidman, The History of Roller Skating, National Museum of Roller Skating, 1997, ISBN 0-9658192-0-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport