Oskar Danon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Oskar Danon (7 febbraio 191318 dicembre 2009) è stato un compositore e direttore d'orchestra bosniaco.

Biografia ed educazione[modifica | modifica wikitesto]

Oskar Danon è nato nel 1913 a Sarajevo, all'epoca Impero austro-ungarico ma oggi Bosnia ed Erzegovina. Ha studiato musica nel Regno di Jugoslavia e Praga, Cecoslovacchia, dove ha ottenuto il dottorato di ricerca in musicologia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha lavorato come direttore a Sarajevo, e dopo la seconda guerra mondiale è diventato direttore del Teatro Nazionale dell'Opera di Belgrado dal 1944 al 1965 e capo direttore della Slovenian Philharmonic Orchestra dal 1970 al 1974). È stato anche direttore della Belgrade Philharmonic Orchestra. Con queste orchestre si è esibito sia in Jugoslavia che all'estero (Parigi, Wiesbaden, Firenze, ecc.).

Al Teatro La Fenice di Venezia nel 1959 dirige Il principe Igor' nella trasferta del Teatro Nazionale dell'Opera di Belgrado, nel 1960 dei balletti ed Evgenij Onegin.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 1961 dirige due concerti.

Al Wiener Staatsoper debutta nel 1964 dirigendo Der Spieler (Il giocatore) di Sergei Prokofiev nella trasferta del Teatro Nazionale dell'Opera di Belgrado, poi Don Quichotte di Jules Massenet, Il mandarino meraviglioso di Béla Bartók, Tannhäuser (opera) con Gottlob Frick, Wolfgang Windgassen, Eberhard Waechter, Christa Ludwig e Gundula Janowitz, Carmen (opera) con Ettore Bastianini e Hilde Güden, La traviata con Anna Moffo, Aida, Der Fliegende Holländer con Anton Dermota, Rigoletto con Aldo Protti, Madama Butterfly ed Otello (Verdi) con Leonie Rysanek e nel 1965 The Rake's Progress con Anneliese Rothenberger.

Per il Teatro Verdi (Trieste) nel 1971 dirige Chovanščina con Nicola Ghiuselev ed Eno Mucchiutti, nel 1972 Boris Godunov (opera) con Bruna Baglioni, Sergio Tedesco, Alfredo Mariotti e Florindo Andreolli, nel 1974 Il gallo d'oro con Carlo Zardo e Gräfin Mariza (La Contessa Mariza) di Emmerich Kálmán con Leopoldo Mastelloni, Graziella Porta, Orazio Bobbio ed Adriana Innocenti nel Teatro Stabile Politeama Rossetti, nel 1975 Evgenij Onegin con la Baglioni, nel 1976 Il conte di Lussemburgo con la Porta ed Aurora Banfi, nel 1980 Il principe Igor' e La vedova allegra (operetta) con Gino Pernice, Ariella Reggio e Sandro Massimini, nel 1982 Sogno di un Valzer di Oscar Straus con Luciana Palombi, nel 1984 Viktoria und ihr Husar (Vittoria e il suo ussaro) di Paul Abraham con Armando Ariostini, Vincenzo Manno, Daniela Mazzucato e Massimini, nel 1985 Rose Marie di Rudolf Friml e Herbert Stothart e nel 1986 Al cavallino bianco.

Carriera da insegnante[modifica | modifica wikitesto]

Oskar Danon è stato professore alla Belgrade Music Academy.

Riconoscimenti e onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

A Danon è stato assegnato lOctober Award della città di Belgrado per la sua carriera da direttore, e anche lAVNOJ Award nel 1970.

Affiliazioni[modifica | modifica wikitesto]

Danon è stato membro e presidente della Association of Musical Artists of Serbia.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

È morto a Belgrado, Serbia, il 18 dicembre 2009, all'età di 96 anni.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Glinka: Ivan Susanin, or A Life for the Tsar - Oskar Danon/Maria Glavachevich/Militza Miladinovich/Ivan Murgashki/Drago Startz/Bogolub Grubach/Vladeta Dimitrievich/Miro Changalovich/Yugoslav Army Chorus/Belgrade National Opera Orchestra, 1955 Naxos
  • Tchaikovsky, P.I.: Eugene Onegin - Oskar Danon/Alexander Veselinovich/Valeria Heybalova/Dushan Popovich/Melanie Bugarinovich/Biserka Tzveych/Drago Startz/Miro Changalovich/Belgrade National Opera Orchestra/Stepan Andrashevich/Ilya Gligorievich/Belgrade National Opera Chorus/Mira Vershevich, 1956 Naxos
  • Borodin, A.: Prince Igor - Oskar Danon/Valeria Heybalova/Dushan Popovich/Drago Petrovich/Melanie Bugarinovich/Biserka Tzveych/Belgrade National Opera Orchestra/Belgrade National Opera Chorus/Noni Zhunetz/Zharko Tzveych, 1955 Naxos

Controllo di autorità VIAF: 15882947