Norberto Menéndez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Norberto Menéndez
Norberto Menendez.jpg
Dati biografici
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 169 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 1971
Carriera
Squadre di club1
1954-1960 River Plate River Plate 124 (57)
1961 Huracan Huracán 16 (8)
1962-1967 Boca Juniors Boca Juniors 98 (21)
1968 Colon Colón 12 (1)
1969 Cerro Cerro 10 (1)
1970-1971 Defensor Defensor  ? (?)
Nazionale
1957-1960 Argentina Argentina 14 (4)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Norberto Menéndez (Buenos Aires, 14 dicembre 1936Buenos Aires, 26 maggio 1994) è stato un calciatore argentino, di ruolo attaccante. È l'unico giocatore ad aver vinto almeno tre titoli con le due squadre più blasonate d'Argentina, Boca Juniors e River Plate,[1] nonché il primo ad aver realizzato un gol nelle qualificazioni a un Mondiale per la sua selezione, il 13 ottobre 1957 a Santiago contro il Cile.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocava come attaccante, solitamente nel ruolo di centravanti,[3] ma era in grado di posizionarsi anche a centrocampo, conservando la propria inclinazione offensiva sia come trequartista che come centrocampista laterale destro. [4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Fece il suo debutto nella prima squadra del River Plate nel campionato di calcio argentino 1954, di fatto sostituendo Walter Gómez, uruguaiano che occupava la posizione di centravanti.[3] Nel 1955 vinse il primo titolo con la maglia del club: a esso ne seguirono altri due consecutivi, segnando quattordici reti nel campionato del 1957.[5] Il 14 novembre 1957 segnò il gol più veloce della storia del Superclásico dopo un minuto e quaranta secondi dal fischio d'inizio; il suo record verrà poi battuto da Mastrángelo nel 1972.[6] Passò poi il campionato seguente nell'Huracán, segnando una media di un gol ogni due partite. Nel 1962 si trasferì al Boca Juniors, entrando dunque nel novero di giocatori ad aver vestito la maglia di River e Boca. Debuttò con la nuova squadra il 25 marzo 1962,[1] e già al suo primo anno vinse il titolo nazionale. Nel 1964 replicò il successo, tra l'altro segnando contro la sua ex squadra nel Superclásico, fatto che si ripeté anche nel 1965: entrambe le volte le sue realizzazioni furono importanti ai fini della classifica.[1] Lasciò il Boca il 22 ottobre 1967, trasferendosi poi al Colón per la Primera División 1968. Nel 1969 espatriò, andando a giocare in Uruguay, dapprima al Cerro e successivamente al Defensor, ove chiuse la carriera.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò nel 1957 con la selezione nazionale; ottenne poi la convocazione al campionato del mondo 1958, agendo come principale riferimento offensivo del 3-2-5 adottato nell'occasione dalla Nazionale argentina. Segnò anche una rete contro la Irlanda del Nord, al sessantaseiesimo minuto, firmando il vantaggio della propria formazione.[7]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

River Plate: 1955, 1956, 1957
Boca Juniors: 1962, 1964, 1965,

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1955

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (ES) Menéndez, Norberto, historiadeboca.com.ar. URL consultato il 14-10-2010.
  2. ^ a b (ES) Pedro Uzquiz, Reyes del gol, Clarín, 3 febbraio 2001. URL consultato il 14-10-2010.
  3. ^ (PT) Norberto Menéndez, playerhistory.com. URL consultato il 14-10-2010.
  4. ^ (EN) Final Tables Argentina 1951-1960, RSSSF. URL consultato il 14-10-2010.
  5. ^ (ES) Los tres goles más rapidos de la historia del Superclásico, Claríngiorno=16, aprile 2007. URL consultato il 14-10-2010.
  6. ^ (EN) World Cup 1958 finals, RSSSF. URL consultato il 6-10-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]