Naqada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Template-info.svg
NaqadaI.svg

Naqada (anche conosciuta come Nagada) era la città egizia nella quale, durante il periodo predinastico nacque la cultura che segnò l'inizio dell'evoluzione storica e sociale della Valle del Nilo.[1]

Durante l'Antico Egitto, era maggiormente praticato il culto del dio Seth,[2]

Nel sito archeologico di Naqada, nella stagione di scavi 1893 - 1894, Petrie scoprì l'antica città di Nubt chiamata anche Ombos durante la dinastia tolemaica. Nubt significa "Città dell'oro" perché situata sulla via carovaniera per l'Uadi Hammamat.[3]

La grande necropoli egizia con i suoi manufatti, risalenti al periodo storico detto predinastico vennero accuratamente studiati da Flinders Petrie nel 1894-1895 con la sua tecnica della sequences dates.[4]


Tombe-Nagada-de-Morgan.jpg

Successivamente Jacques de Morgan, nel 1897 scoprì una mastaba risalente alla I dinastia con le mura esterne a Facciata di palazzo[4] dove è stato ritrovato un sigillo[3]con i nomi del sovrano Aha e della regina Neithotep alla quale apparteneva la mastaba.

La necropoli, che venne usata anche nella I dinastia,[1]si trova a circa 28 chilometri a nord-ovest di Luxor (Alto Egitto) e contiene circa 2000 sepolture[4] classificabili, secondo Kaiser,[5] in tre fasi culturali ben precise:


Alla fase Naqada III è collegata la dinastia 0 dell'antico Egitto e la dinastia 00,[2] ossia l'insieme di sovrani, scarsamente conosciuti, che precedettero il primo re storico dell'Egitto: Narmer

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Margaret Bunson, Enciclopedia dell'antico Egitto, La Spezia, Fratelli Melita Editore, gennaio 1995, p. 184. ISBN 88-403-7360-8.
  2. ^ a b c d e Natale Barca, Sovrani predinastici egizi, Torino, Ananke, maggio 2006, pp. 83-103. ISBN 88-7325-133-1.
  3. ^ a b Edda Bresciani, Grande enciclopedia illustrata dell'antico Egitto, Novara, DeAgostini, 2005, p. 232. ISBN 88-418-2005-5.
  4. ^ a b c Mario Tosi, Dizionario enciclopedico delle divinità dell'antico Egitto, Torino, Ananke, 2006, p. 356. ISBN 88-7325-115-3.
  5. ^ Natale Barca, Sovrani predinastici egizi, pag.101

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Margaret Bunson, Enciclopedia dell'antico Egitto, Fratelli Melita Editori, ISBN 88-403-7360-8
  • Mario Tosi, Dizionario enciclopedico delle divinità dell'antico Egitto - Vol. II, Ananke, ISBN 88-7325-115-3
  • Edda Bresciani, Grande enciclopedia illustrata dell'antico Egitto, De Agostini, ISBN 88-418-2005-5
  • Natale Barca, Sovrani predinastici egizi, Ananke, ISBN 88-7325-133-1

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]