Muscolo retto mediale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Muscolo retto mediale
Eyemuscles.png
Muscoli dell'occhio. Il retto mediale è indicato con il numero 4.
Gray785.png
Innervazione dei muscoli retti mediale e laterale.
Anatomia del Gray subject #227 1023
Sistema Sistema muscolare
Origini segmento mediale dell'anello tendineo
Inserzione sclera
Arteria oftalmica
Nervo oculomotore
Azioni spostamento mediale del polo anteriore dell'occhio

Il muscolo retto mediale è uno dei sei muscoli striati che consente il movimento del bulbo oculare[1].

Tra i muscoli retti è il più robusto e presenta una lunghezza complessiva di circa 40,8 mm.

Origine e inserzioni[modifica | modifica wikitesto]

Esso origina dall'anello tendineo di Zinn[2], presso la sezione nasale, e dalla guaina che avvolge il nervo ottico e da lì passa orizzontalmente ponendosi tra la parete dell'orbita ed il bulbo oculare. Si va ad inserire sulla sclera[2] ad una distanza di 5,5-6,5 mm dal limbus con un arco di contatto di 6 mm.

Innervazione[modifica | modifica wikitesto]

È innervato dal III paio dei nervi cranici (il nervo oculomotore comune)[2].

Vascolarizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il muscolo è irrorato dall'arteria oftalmica.

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

La sua contrazione determina una rotazione in senso mediale dell'occhio (adduzione pura)[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da Trattato di Anatomia Umana, volume III, p. 371
  2. ^ a b c d Da Trattato di Anatomia Umana, volume III, p. 372

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anastasi et al., Trattato di Anatomia Umana, volume III, Milano, Edi.Ermes, 2007, ISBN 978-88-7051-287-8
  • Massimo G. Bucci: Oftalmologia; Società Editrice Universo
  • Kahle, Leonhardt, Platzer: Anatomia Umana. Atlante Tascabile; Casa Editrice Ambrosiana
  • Balboni, Motta: Anatomia Umana; Edi-Ermes