Muscolo cricotiroideo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Muscolo cricotiroideo
Musculuscricothyreoideus.png
Il cricotiroideo (indicato dalla freccia) tra i muscoli laringei
Anatomia del Gray subject #236 1081
Sistema Sistema muscolare
Inserzione margine inferiore della cartilagine tiroidea
Nervo nervo laringeo superiore (nervo vago

Il muscolo cricotiroideo o muscolo tensore delle corde vocali è un muscolo pari, fonatore e intrinseco della laringe[1].

Posizione e forma[modifica | modifica sorgente]

Il muscolo è situato nella parte inferiore della faccia anterolaterale della laringe. Ha forma di triangolo il cui apice origina all'arco cricoideo e si divide in un fascio mediale verticale (parte retta) e un fascio laterale obliquo (parte obliqua) che si fissano al margine inferiore della cartilagine tiroide[1].

Vascolarizzazione ed innervazione[modifica | modifica sorgente]

Il muscolo è irrorato dagli stessi vasi che vascolarizzano la laringe quindi: arteria laringea superiore, arteria larginea inferiore e arteria cricoidea (rami delle arterie tiroidee superiore ed inferiore)[2].

Il muscolo cricotiroideo, a differenza degli altri muscoli laringei, è innervato dai rami motori del nervo laringeo superiore, ramo del nervo vago[2].

Azione[modifica | modifica sorgente]

A seconda di dove prenda punto fisso svolge due azioni[1]:

  • sulla cartilagine tiroide: solleva l'anello cricoideo e spinge indietro la lamina cricoidea e le cartilagini artienoidi;
  • sulla cartilagine cricoide: spinge in avanti e in basso la cartilagine tiroidea.

Svolge in entrambi i casi l'azione di tendere e allungare i legamenti vocali avvicinando i labbri vocali fra loro[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Da Trattato di Anatomia Umana, volume II, op. cit., p. 248
  2. ^ a b Da Trattato di Anatomia Umana, volume II, op. cit., p. 256

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]