Muscolo obliquo superiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Muscolo obliquo superiore
Eyemuscles.png
La figura mostra il muscolo obliquo superiore (indicata con il numero 6)
Anatomia del Gray subject #227 1022
Sistema Sistema muscolare
Inserzione sclera
Nervo nervo trocleare

Il muscolo obliquo superiore (o trocleare, perché impegna la struttura fibrosa detta troclea) è uno dei sei muscoli striati che consente il movimento del bulbo oculare[1].

Origine ed inserzione[modifica | modifica sorgente]

Origina dal contorno mediale del foro ottico e si dirige avanti sul tetto dell'orbita con un tendine che passa per la troclea, un piccolo anello fibrocartilagineo posto nell'angolo supero-mediale del tetto dell'orbita. Superata la troclea cambia direzione e si dirige lateralmente, inserendosi sul quadrante supero-esterno dell'emisfero posteriore del bulbo oculare per inserirsi sulla sclera, obliquamente e dietro l'equatore.[2]

Innervazione[modifica | modifica sorgente]

È innervato dal nervo trocleare.

Azione[modifica | modifica sorgente]

Spostare il polo posteriore del bulbo oculare medialmente e verso l'alto, permettendo così all'occhio di ruotare in basso e verso l'esterno (abduzione ed abbassamento con extrarotazione)[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Da Trattato di Anatomia Umana, volume III, op. cit., p. 371
  2. ^ a b Da Trattato di Anatomia Umana, volume III, op. cit., p. 372

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]