Muroidea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Muroidei
Feldmaus Microtus arvalis.jpg
Microtus arvalis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea

(Illiger, 1811)

Famiglie
Fig.1
Fig.2

Muroidea è una superfamiglia di Roditori che comprende i criceti, gerbilli, i topi e i ratti del vecchio e nuovo mondo, le arvicole e forme affini.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'aspetto generale è quello tipico dei ratti e dei topi, senza particolari modifiche anatomiche, eccetto una derivazione morfologica presente delle forme fossorie come gli spalaci e gli zokor. Le caratteristiche risultano quindi abbastanza omogenee e comprendono la disposizione del muscolo massetere di tipo miomorfo (fig.1), la mandibola sciurognata (fig.2), la totale perdita dei premolari, il numero dei molari fino a tre per ogni semi-arcata, il foro infra-orbitale relativamente grande e dalla caratteristica forma a buco di serratura per il passaggio di fasci muscolari, vasi sanguigni e nervi, le placche zigomatiche inclinate verso l'esterno e ben sviluppate, la fibula ridotta e fusa alla tibia e i piccoli ossicini dell'orecchio interno, incudine e martello, separati tra loro.

Distribuzione ed habitat[modifica | modifica wikitesto]

Occupano una vasta varietà di habitat in tutti i continenti, ad eccezione dell'Antartide.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

I muroidei vengono classificati in 6 famiglie, 19 sottofamiglie, circa 280 generi e quasi 1300 specie.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jansa, S. A. and M. Weksler. Phylogeny of muroid rodents: relationships within and among major lineages as determined by IRBP gene sequences. Molecular Phylogenetics and Evolution, 31:256-276.
  • Michaux, J., A. Reyes, and F. Catzeflis. 2001. Evolutionary history of the most speciose mammals: molecular phylogeny of muroid rodents. Molecular Biology and Evolution, 17:280-293.
  • Musser, G. G. and M. D. Carleton. 1993. Family Muridae. Pp. 501-755 in Mammal Species of the World a Taxonomic and Geographic Reference. D. E. Wilson and D. M. Reeder eds. Smithsonian Institution Press, Washington D.C.
  • Musser, G. G. and M. D. Carleton. 2005. Superfamily Muroidea. Pp. 894-1531 in Mammal Species of the World a Taxonomic and Geographic Reference. D. E. Wilson and D. M. Reeder eds. Johns Hopkins University Press, Baltimore.
  • Norris, R. W., K. Y. Zhou, C. Q. Zhou, G. Yang, C. W. Kilpatrick, and R. L. Honeycutt. 2004. The phylogenetic position of the zokors (Myospalacinae) and comments on the families of muroids (Rodentia). Molecular Phylogenetics and Evolution, 31:972-978.
  • Steppan, S. J., R. A. Adkins, and J. Anderson. 2004. Phylogeny and divergence date estimates of rapid radiations in muroid rodents based on multiple nuclear genes. Systematic Biology, 53:533-553.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi