Arvicolinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Arvicolinae
Arvicola terrestris.jpg
Arvicola amphibius
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Famiglia Cricetidae
Sottofamiglia Arvicolinae

Gray, 1821

Generi
  • vedi testo

Gli Arvicolini (Arvicolinae Gray, 1821) sono una sottofamiglia di roditori della famiglia Cricetidae. Talvolta la sottofamiglia Arvicolinae viene posta nella famiglia Muridae insieme a tutti gli altri membri della superfamiglia Muroidea. Vengono talvolta chiamati anche Microtinae o gli viene assegnato perfino il rango di famiglia, Arvicolidae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Gli arvicolini si identificano più facilmente sulla base dei loro denti molari, che mostrano cuspidi prismatiche formate da triangoli alternati. Questi molari sono a crescita continua e sono ben adatti per uno stile di vita erbivoro.

Gli arvicolini hanno una distribuzione olartica e rappresentano una tra le grandi radiazioni muroidi ad aver raggiunto il Nuovo Mondo attraverso la Beringia. Gli arvicolini si trovano a proprio agio nella zona subnivale sotto lo strato di neve invernale e sopravvivono per tutto l'inverno senza bisogno di ibernare. Sono anche caratterizzati dalle estreme fluttuazioni del numero delle popolazioni.

La maggior parte degli arvicolini sono piccole arvicole o lemming pelosi e dalla coda corta, ma alcuni, come Ellobius ed Hyperacrius, sono ben adattati ad uno stile di vita fossorio. Altri, come Ondatra, Neofiber ed Arvicola, hanno evoluto un corpo più grande ed hanno sviluppato uno stile di vita acquatico.

Alcuni autori hanno classificato gli zokor tra gli Arvicolinae, ma non mostrano alcuna affinità con loro.

La sottofamiglia Arvicolinae comprende sette tribù, 26 generi e 143 specie.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Cranio di un'arvicola delle rive. Da notare l'aspetto caratteristico dei molari degli arvicolini.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • McKenna M.C. and Bell S.K., Classification of Mammals above the Species Level, New York, Columbia University Press, 1997.
  • Musser G. G. and Carleton M. D. in: (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Arvicolinae in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  • Steppan S. J., Adkins R. A. and Anderson J, Phylogeny and divergence date estimates of rapid radiations in muroid rodents based on multiple nuclear genes in Systematic Biology 2004; 53:533-553.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi