Metallofono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un metallofono usato in un gamelan - Ambasciata indonesiana a Canberra.

Si definisce metallofono un qualsiasi strumento musicale formato da barrette di metallo accordate che vengono colpite per produrre un suono, di solito con dei battenti. I metallofoni sono quindi degli idiofoni a percussione diretta e, secondo la classificazione Hornbostel-Sachs, rientrano nella classe 111.222 ("insiemi di placche a percussione").

I metallofoni si usano nella musica da centinaia di anni. Ci sono parecchi tipi diversi usati nei complessi dei gamelan balinesi e giavanesi, compresi il gendér, il gangsa e il saron. Questi strumenti hanno una singola fila di barrette, accordate alle caratteristiche scale pelog o slendro, o a un loro sottoinsieme. Anche il glockenspiel e il vibrafono occidentali sono metallofoni: hanno due file di barrette, a imitazione della tastiera del pianoforte, e sono accordati alla scala cromatica.

Nella musica del XX secolo e oltre, la parola metallofono a volte si applica specificamente a una singola fila di barrette di metallo sospese su una cassa di risonanza. I metallofoni accordati alla scala diatonica si usano spesso nelle scuole; Carl Orff usò metallofoni diatonici in parecchi dei suoi pezzi, inclusi il suo lavoro didattico Schulwerk. Metallofoni con accordature microtonali sono usati nelle Pléïades di Iannis Xenakis e nella musica di Harry Partch.

Lista di metallofoni[modifica | modifica wikitesto]

Kulintang a Tiniok: Un metallofono filippino.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica