Merlera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Merlera
frazione
Ερεικούσσα - Ereikoussa
immagine del porto
immagine del porto
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Isole Ionie
Unità periferica Corfù
Comune Corfù
Territorio
Coordinate 39°53′N 19°35′E / 39.883333°N 19.583333°E39.883333; 19.583333 (Merlera)Coordinate: 39°53′N 19°35′E / 39.883333°N 19.583333°E39.883333; 19.583333 (Merlera)
Superficie 4,449 km²
Abitanti 698 (2001)
Densità 156,89 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 49100
Prefisso +30 26630
Fuso orario UTC+2
Targa KY
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Merlera
Merlera – Mappa

Merlera (in greco Ερεικούσσα - Ereikoussa, Ερείκουσα o Ereikousa, talvolta citata ache come Marlera o Meslera), situata nel Canale d'Otranto, è l'isola greca più settentrionale dello Ionio facente parte dell'arcipelago delle Diapontie.[1] Il suo nome deriva dal Ereikousa "erica" pianta che cresce in ogni parte dell'isola, spesso chiamato il nome "Merlera" è attestato dai cartografi dal XVI secolo d.C.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

L'isola ha una superficie di circa 4,5 chilometri quadrati ed è la più popolata e frequentata delle Diapontie. I centri abitati sono 6. Fino al 2010, amministrativamente parlando, era una comunità autonoma della prefettura di Corfù inclusa nella regione amministrativa delle isole Ionie. Con la riforma dello stesso anno nota come "programma Callicrate" entrata in vigore il 1º gennaio 2011 appartiene al comune di Corfù

Ricca d verdi boschi di cipressi ed olivi le sue spiagge principali sono quelle di Porto (Πόρτο) e Braghini (Μπραγκίνι), nomi di chiara origine italiana risalenti al tempo del dominio veneziano.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La storia vede l'isola di Merlera come possedimento veneziano sin dal XIII secolo, poi dopo un breve periodo sotto la dominazione francese, decretata dal Trattato di Campoformio che aveva assegnato ai transalpini l'Eptaneso, nonché la breve parentesi della Repubblica delle Sette Isole Unite, tra il 1800 e il 1807, il Trattato di Parigi del 1815 stabilì che essa, sempre insieme alle isole Ionie, divenisse protettorato del Regno Unito fino al suo definitivo passaggio alla Grecia avvenuto nel 1864.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Isole Diapontie, ..::Corfuapartments.com - Appartamenti e case per vacanze a Corfu, Grecia::
  2. ^ (EN) Brief Historical Backgrounds

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]