Medicina tradizionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Si definisce medicina tradizionale o medicina popolare l'insieme delle pratiche paramediche e mediche precedenti all'avvento della medicina industriale (fondatasi col costituirsi delle corporation farmaceutiche). Molte di queste pratiche si sono radicate nella conoscenza e nella tradizione popolare.[1].
Le sue origini sono antichissime[2], nell'uso di certe erbe della farmacopea naturale[3].

Secondo Cecilia Gatto Trocchi la medicina popolare è importante in quanto "raccoglie, conserva e descrive le conoscenze primitive e le interpretazioni dei fenomeni medico-biologici delle classi subalterne"[4]; i suoi studi antropologici sono stati approfonditi fin dall'Ottocento[5].

La medicina tradizionale comprende anche la medicina domestica (o medicina familiare), che consiste nei comportamenti e nelle pratiche igieniche, dietetiche e mediche svolte all'interno della famiglia e trasmesse di generazione in generazione.

Questo concetto appartiene alla tradizione medica di molte civiltà ed è stato popolarizzato nei paesi occidentali dal medico scozzese William Buchan nel XVIII secolo. Esso è stato rinforzato dai manuali di economia domestica nei due secoli successivi. Un libro classico di medicina domestica, scritto dal medico e omeopata inglese John Henry Clarke nel XIX secolo[6] è tuttora stampato e utilizzato. In Italia le pratiche della medicina domestica furono divulgate da alcuni studiosi come Zeno Zanetti[7] e Vitaliano Galli[8].

A partire dalla metà del XX secolo, il successo della medicina scientifica - collegata all'ascesa dei servizi sanitari pubblici e privati - ha interrotto molte tradizioni mediche familiari e la trasmissione della maggiore parte delle conoscenze mediche domestiche di madre in figlia.

L'aumento del gap generazionale all'interno delle famiglie ha ridotto il ruolo giocato dalla medicina domestica nei paesi occidentali, anche se la sua sopravvivenza si lega ai forti legami con la dimensione spirituale e comunitaria della salute umana.

Approcci accademici[modifica | modifica wikitesto]

A livello universitario ci sono approcci: Storici / culturali come per esempio in cattedre in:

che si limitano di solito alla documentazione di superstizioni e pratiche magiche (quanto riguarda la Medicina popolare).

  • Etnomedicina descrive pratiche curative contemporanee di culture non industrializzate.

In Italia esistono cattedre per farmaceutica botanica. In Germania ci sono cattedre per Terapie naturalistiche in diverse Università come p.es. a Rostock, Essen, Berlin, Witten-Herdecke, Ulma, Monaco di Baviera, e anche in Svizzera[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Domenico Torre, Medicina popolare e civiltà contadina books.google.it
  2. ^ Jarvis books.google.it
  3. ^ Lares, Volume 69 books.google.it
  4. ^ Magia e medicina popolare in Italia, books.google.it
  5. ^ Lares, Volume 50 books.google.it
  6. ^ A Dictionary of Domestic Medicine and Homeopathic Treatment. Reprint (Kessinger publishing, 2008, 368 pagine): ISBN 9781436983327
  7. ^ Zeno Zanetti 1892. La medicina delle nostre donne. S. Lapi tipogrado editore. 106 pagine. [1]
  8. ^ Vitaliano Galli 1882. Manuale d’igiene rurale. Ateneo di Brescia. 450 pagine.
  9. ^ In Svizzera ci sono due posti universitari che si dedicano al tema delle medicine naturali, per es. la Cattedra per Terapie naturalistiche dell'Università di Zurigo con un ampio reparto fitoterapeutico, o Istanza collegiale per medicina complementare dell'Università di Berna con reparti di Medicina tradizionale cinese e Agopuntura, Neuralterapia, Medicina antroposofica e Omeopatia inclusi i relativi ambulatori.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • SM Annali di San Michele no 16/2003: Saperi terapeutici tradizionali nell'arco alpino (a cura di Giovanni Kezich e Tullio Sepilli); Museo Gente Trentina
  • Giovanni Battista Bronzini, "Medicina Popolare Basilicatese" in Medicina, magia e classi sociali nella Basilicata degli Anni Venti. Scritti di un medico antropologo (2 volumi), 1ª ed., Galatina, Congedo Editore, 1987.
  • Emanuela Renzetti: Sulla pelle del villano; Museo Gente Trentina
  • Vittorio A. Sironi: Medicina popolare in Brianza; Cattaneo Editore, 1998
  • Eberhard Wolff: Medicina popolare: Dizionario storico della Svizzera
  • Cecilia Gatto Trocchi Magia e medicina popolare in Italia Newton Compton editori, 1983
  • Storia e medicina popolare: revista del Centro Storia e Medicina Popolare 1983
  • Adalberto Pazzini La medicina popolare in Italia: storia, tradizioni, leggende ed. Zigiotti 1948.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina