Medicina islamica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La medicina islamica fu una medicina che nel medioevo raggiunse livelli molto sofisticati, con metodi diagnostici e terapeutici altamente sviluppati e una ricca farmacologia.

Nel medioevo la medicina europea fu influenzata da quella islamica (Averroè, Avicenna) irradiata dalla Spagna musulmana. Oggi tuttavia la medicina islamica è quasi sconosciuta in Europa e non dispone di adepti europei, a differenza delle medicine orientali. Solo nelle comunità degli immigrati musulmani se ne trovano ancora tracce, frammiste alla tradizione religiosa. Dal momento che l'Islam è diffuso in Africa, la medicina islamica si è mescolata anche con tradizioni locali sciamaniche ed animistiche; in Oriente, con medicine di tradizione buddista e induista.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della medicina araba.

Gli arabi, conquistando la Siria e la Persia, trovarono scuole mediche nutrite dalla scienza greca, ne assorbono le conoscenze, traducendo i grandi autori, specie Galeno. A Bagdad nacque una scuola di medicina che rivaleggiava con quelle della Spagna islamica di Cordova, Siviglia, Toledo e Murcia; ovunque vi erano biblioteche e ospedali e vi era un grande fervore e progresso. Fra il IX e l’XI secolo si manifestò una critica indipendente e la tendenza verso nuovi esperimenti: la medicina greca venne integrata con gli studi islamici di fisica e chimica. al-Razi fu uno dei più grandi dei medici persiani ad indirizzo ippocratico e scrisse due libri che saranno studiati nelle scuole italiane fino al Rinascimento. Famosissimo rimane Avicenna, considerato il fondatore della medicina moderna e conosciuto per il suo canone della medicina, stampato nel X secolo, ricco di dogmatismo scolastico e autoritario; di lui si ammira la vasta cultura e la grande diligenza più che l’originalità di pensiero. Grande medico fu il filosofo ebreo-andaluso Mosè Maimonide, che riconosce l’influenza dei fattori emotivi sulla salute, inserisce l’uso di strumenti musicali e storie allegre nella terapia, riafferma anche l’importanza della dieta, dell’esercizio fisico e mentale, svalutando farmaci e chirurgia. La farmacologia ebbe con gli arabi un grande impulso; dobbiamo loro la conservazione delle antiche tradizioni e della medicina classica, mentre in Occidente la medicina era monopolio ecclesiastico.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]