Marsilea quadrifolia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Quadrifoglio acquatico
Maesilea quadrifolia denjisou01.jpg
Marsilea quadrifolia
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pteridophyta
Classe Pteridopsida
Ordine Salviniales
Famiglia Marsileaceae
Genere Marsilea
Specie M. quadrifolia
Nomenclatura binomiale
Marsilea quadrifolia
(L.)
Nomi comuni

quadrifoglio acquatico, trifoglio acquatico comune)

Il Quadrifoglio acquatico (Marsilea quadrifolia L.) è una felce acquatica perenne appartenente alla famiglia delle Marsileaceae, diffusa nell’emisfero boreale.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome Marsilea venne attribuito al genere da Linneo in onore del botanico italiano Luigi Ferdinando Marsili vissuto nel XVIII secolo. La denominazione quadrifolia sta invece a indicare la foglia divisa in quattro lobi[2].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Portamento[modifica | modifica sorgente]

È una pianta alta 10-40 centimetri, geofita rizomatosa.

Fusto[modifica | modifica sorgente]

Il fusto è costituito da un rizoma strisciante fissato al terreno da sottili radici la cui lunghezza può arrivare fino a 1 m.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

Esistono due tipi di fronde. Il primo tipo può essere natante in caso di acque alte o emergere eretto se la pianta vegeta in acque basse o sul terreno. Gli stipiti possono essere lunghi fino a 30 cm. La lamina si divide in quattro segmenti obcordati disposti a forma di croce la cui forma ricorda il quadrifoglio. L’altro tipo di fronda è immerso ed è trasformato in sporocarpo elissoidale di colore marrone scuro, la sporificazione ha luogo tra luglio e settembre.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Specie circumboreale un tempo comune nell’Europa centro-meridionale, negli ultimi decenni si è notevolmente rarefatta per la scomparsa o alterazione dell’habitat naturale costituito da fossi e risaie con acque dal lento deflusso o terreni saltuariamente inondati. Per questo motivo in diversi paesi europei è stata inserita tra le specie a rischio di estinzione. In Italia risultano presenti alcune isolate popolazioni in Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino-Alto Adige, Emilia-Romagna, Toscana[3]. È presente anche negli Stati Uniti nordorientali in cui si è stata introdotta da più di 100 anni e viene ritenuta specie invasiva[4].

Usi[modifica | modifica sorgente]

La pianta è antinfiammatoria, diuretica, depurativa, febbrifuga e rinfrescante.[5]

Coltivazione[modifica | modifica sorgente]

La pianta preferisce terreni sabbiosi o di medio impasto. Può crescere in posizioni a mezz’ombra o pieno sole. Richiede un substrato umido o bagnato e può crescere in acqua[6].

Marsilea quadrifolia può essere coltivata in vaso, con substrato sia umido, sia semisommerso con fronde emergenti, sia sommerso con foglie naviganti sul pelo dell’acqua. Può essere impiegata anche come pianta per acquario.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Marsilea quadrifolia in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ scheda su quadrifoglio acquatico
  3. ^ ricerca dell’Università di Pavia
  4. ^ Flora del Nord America
  5. ^ Plants For a Future
  6. ^ Plants For a Future

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Botanica