Marcus Garvey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marcus Garvey nel 1924

Marcus Mosiah Garvey (Saint Ann's Bay, 17 agosto 1887Londra, 10 giugno 1940) è stato un sindacalista e scrittore giamaicano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marcus Garvey

Lottò negli Stati Uniti d'America per migliorare le condizioni inumane in cui venivano fatti lavorare i neri. Garvey predicò il ritorno in Africa da parte di tutti i neri del mondo, che non dovevano né sentirsi né chiamarsi cittadini dei paesi in cui risiedevano, ma africani. Predicò inoltre una profezia contenuta nella Bibbia amarica, ovvero l'incoronazione in Africa di un Re nero, che avrebbe cacciato il colonialismo, estirpato il male e preparato il continente nero al ritorno della sua gente.

Istituì ad Harlem una sorta di governo in esilio della grande nazione africana. Creò una compagnia di navigazione, la Black Star Steamship col compito di trasportare passeggeri di colore all'interno dell'arcipelago delle Antille, in aperta opposizione con le altre compagnie che da anni avevano istituito la segregazione. Condannato per frode postale a causa di presunte irregolarità nel sistema di finanziamento della compagnia, fu graziato dal presidente Calvin Coolidge e deportato nella nativa Giamaica.

Fu il fondatore dell'associazione Universal Negro Improvement Association and African Communities League e della rivista Negro World. Il contributo di Garvey rappresenta la base ideologica di quella dottrina nazionalista africana che troverà largo seguito negli Usa a partire dagli anni Sessanta con la fondazione del Black Power di Stokely Carmichael.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Garvey morì a Londra all'età di cinquantadue anni, colpito da due infarti, dopo aver letto un falso necrologio di se stesso pubblicato sul "Chicago Defender" del gennaio precedente; questo affermava che egli era morto "squattrinato, solo e impopolare".

A causa delle restrizioni di viaggio della seconda guerra mondiale, il suo corpo fu seppellito all'interno di una cripta nel St. Mary's Catholic cemetery di Londra. Vent'anni dopo, i suoi resti furono portati in Giamaica, dove il governo lo proclamò primo eroe nazionale e lo inumò nel locale Parco degli Eroi Nazionali.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Eroe Nazionale della Giamaica - nastrino per uniforme ordinaria Eroe Nazionale della Giamaica

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 34456975 LCCN: n79074501