Marcatezza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La marcatezza è un concetto linguistico basato sul confronto tra due o più forme linguistiche: una forma marcata è una forma non basilare o meno naturale; si contrappone alla forma non marcata, che è la forma basilare, neutrale.

Il concetto di marcatezza si è originariamente sviluppato negli studi sui tratti distintivi e le opposizioni fonologiche: ad esempio, l'opposizione tra [t] e [d] si fonda sul fatto che il primo suono è prodotto senza vibrazione delle corde vocali (è cioè [-sonoro]), mentre il secondo è [+sonoro]. La presenza di un tratto indica che quella forma è marcata, l'assenza che è non-marcata. Detto altrimenti, per descrivere un elemento marcato è necessario un tratto in più.[1]

Estensione del significato[modifica | modifica sorgente]

L'originario concetto legato alle opposizioni fonologiche si è poi ampliato, fino a coinvolgere altre discipline della linguistica, come la sintassi, la semantica e la morfologia.

Ecco alcuni esempi:

  • la parola leone è un sostantivo non marcato in italiano rispetto a leonessa: la prima parola può infatti riferirsi sia al leone maschio che alla specie del leone in generale (maschio e femmina), mentre leonessa è la forma marcata (come si vede dal suffisso -essa): potrà dunque avere solo il riferimento al femminile.
  • la parola tavolo non è marcata, mentre tavolino è marcato da un'alterazione (un diminutivo, nello specifico).

La forma di una parola che è convenzionalmente scelta come lemma è in genere la forma con meno (o senza) marche. Il plurale viene spesso considerato come marcato rispetto al singolare (in inglese, avremo the girl e the girls).

Come mostrano questi esempi, molto spesso la parola marcata tra i due membri di un'opposizione viene evidenziata morfologicamente, anche se non mancano gli esempi contrari.

La marcatezza è un concetto molto elastico e generale: ci sono infatti pochi criteri base per determinare quale forma è considerata marcata e quale no.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Simone, 2008, cit., p. 113.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]