Lucius (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucius
Titolo originale Lucius
Sviluppo Shiver Games
Pubblicazione Lace Mamba Global
Data di pubblicazione 26 ottobre 2012
Genere Avventura
Tema Horror
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Microsoft Windows
Motore grafico Esenthel
Supporto Disco ottico, Download
Fascia di età PEGI: PEGI 18.svg

Lucius è un videogioco sviluppato dalla Shiver Games e pubblicato dalla Lace Lamba Global negli Stati Uniti e dalla FX Interactive in Italia e in Spagna. I giocatori controllano un certo personaggio chiamato Lucius, il cui compito è uccidere tutti i membri della sua famiglia, usando poteri satanici.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Lucius è un videogioco d'avventura, di genere horror, dove i giocatori controllano un bambino di 6 anni chiamato appunto Lucius, il quale ha ricevuto dei poteri dell'Anticristo quali telecinesi, fiamme, controllo mentale e cancellazione dei ricordi.

Lucius nasce il 6 giugno del 1966, senza che nessuno si aspetti che possa diventare un ragazzo "speciale". Egli ha trascorso tutta la sua infanzia, uguale ad ogni altro bambino, a Dante Manor, la sua suntuosa villa assieme alla sua famiglia: suo padre Charles, senatore degli Stati Uniti, sua madre Nancy, suo zio Tom, suo nonno Fabius e vari membri della villa. Ma il giorno del suo sesto compleanno, appare in una visione Lucifero, il Diavolo in persona, che si presenta come il suo "vero padre", e gli comunica di uccidere tutti i membri della villa, famiglia e non, in modo che Lucius possa prendersi tutto il patrimonio del padre.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Principali[modifica | modifica sorgente]

  • Lucius: Lucius Wagner è il protagonista (e l'antagonista) del gioco, un bambino di 6 anni che ha intenzione di uccidere tutta la sua famiglia in nome del suo vero padre, Lucifero. Egli è l'incarnazione dell'Anticristo. È insolitamente intelligente e maturo per la sua età, ma molto silenzioso e inquietante; ad esempio, non tradisce alcuna emozione ogni volta che vede qualcuno morirgli davanti agli occhi. È capace di creare piani complessi per simulare degli "incidenti"; allo stesso tempo si rende utile agli abitanti della tenuta come un normale bambino, per nascondere le apparenze. Per far ciò, Lucifero gli darà un quaderno dove annotare e pianificare le tragedie dei personaggi, e una torcia elettrica con batterie annesse per farlo girovagare durante le notti. Andando avanti nel gioco acquisirà 4 poteri dal padre che consumano il suo potere infernale, utili alla riuscita dei suoi scopi:
    • Telecinesi: il primo potere, con cui è in grado di sollevare e spostare gli oggetti e, se si concentra, anche distruggerli.
    • Controllo mentale: con questo potere può controllare le sue vittime e, in combinazioni con gli oggetti e l'ambiente circostante, indurli a gesti quali il suicidio e l'omicidio.
    • Cancellazione della memoria: potere utile per far dimenticare a chiunque lo individui in situazioni sospette, come ad esempio essere beccati a girare di notte senza permesso. Il potere può essere usato solo 6 volte a ogni capitolo.
    • Fiamme: il potere più potente di Lucius, gli permette di creare e lanciare fiamme dalle mani per distruggere e uccidere. Usato solo in alcune occasioni, quali gli scontri diretti con alcuni personaggi.

Tali poteri però non saranno più usufribili se in presenza o nelle vicinanze di alcuni crocifissi. Per impedire che ciò accada, Lucius deve semplicemente invertirli. Se il bambino farà il bravo eseguendo le faccende affidatigli, avrà come regalo 3 oggetti speciali utili per il suo compito: una tavola Ouija (che porrà degli indovinelli che gli suggeriranno le sue prossime mosse), una scatola musicale (che suggerire dove alcuni elementi si inseriscono, con usi limitati per capitolo) e un triciclo (per spostarsi velocemente da un punto all'altro della magione).

  • Lucifero: il Diavolo è il vero padre di Lucius. Agisce come suo mentore per aiutarlo a commettere i suoi crimini ed avvertirlo dei potenziali pericoli. Darà lui tutti gli oggetti e i poteri necessari al difficile compito, oltre a mostrargli attraverso delle visioni le vittime designate.
  • Detective McGuffin: il detective che ha l'incarico di investigare sulle morti causate da Lucius, diventerà sempre più interessato e sospettoso ad ogni morte nel Dante Manor, nonché molto confuso. Egli è cattolico e chiede consiglio persino ad un prete per risolvere questo caso. Sarà l'unica persona a sopravvivere in tutto il gioco, oltre naturalmente Lucius e Lucifero. Lo si vedrà per l'ultima volta a fissare il bambino che esce indenne dalla distruzione di Dante Manor.

Vittime[modifica | modifica sorgente]

In tutto le vittime di Lucius saranno 20, ovvero tutti gli abitanti di Dante Manor e gli altri personaggi del gioco tranne il Detective McGuffin. Vi figurano i 4 familiari del bambino, gli 11 membri del personale della tenuta e altri 5 personaggi. Qui di seguito la lista, in ordine di morte e dei successivi eventi:

  • Mary: la più anziana delle cameriere, è una donna fragile e fisicamente debole a causa dei mantenimenti in casa. Sarà la prima vittima di Lucius, nel giorno del compleanno di questi, morirà per soffocamento e congelamento dopo essere stata rinchiusa nella cella frigorifera della cucina della villa con un lucchetto e dopo che Lucius abbassa la temperatura del locale. Verrà considerato un incidente fino alla morte di Jovita. Data †: 6 giugno 1972.
  • Gene: un amico e collega del padre umano di Lucius, Charles. Lavora nel governo degli Stati Uniti d'America, facendo da manager per la campagna promozionale del senatore e lo aiuta a risolvere i problemi con la stampa e perciò frequenta assiduamente Dante Manor. Ha l'abitudine di fumare, una cosa che irrita Lucius. E sarà questa abitudine a portarlo alla morte; Lucius infatti gli ruberà sotto il naso la sua scatoletta di fiammiferi, costringendo Gene a recarsi in cucina per accendere una sigaretta con il fuoco del forno a gas, che in precedenza il bambino ha manomesso con un cacciavite sottratto a Ivor. Ciò scatenerà una fiammata che colpisce Gene in pieno viso, uccidendolo. L'incidente passerà per negligenza sulle riparazioni domestiche. Data †: 12 luglio 1972.
  • Ivor: il tuttofare di famiglia. È un alcolizzato, lo si vede spesso ubriaco sul lavoro. Lucius approfitta del suo pietoso stato per rubargli una chiave inglese da un pollice e mezzo e armeggiare col pianoforte a coda del salotto, poi gli scriverà delle nuove istruzioni sulla lista dei lavoretti del tuttofare, aggiungendo la riparazione del piano. Quando Ivor raggiungerà il piano e si stende sotto ad esso per controllare, Lucius userà per la prima volta la levitazione per spezzare le gambe dello strumento, che col suo peso ricadrà sulla testa dell'uomo, schiacciandogliela. L'incidente verrà visto sempre come una negligenza professionale del tuttofare e il suo bere. Data †: 4 agosto 1972.
  • Jed: il macellaio della villa. Lucius lo distrarrà facendo fulminare una lampadina con la telecinesi. Mentre Jed tenta di cambiare la lampadina con una datagli da Lucius, il bimbo userà un'altra volta la telecinesi attivando una delle macchine da macellazione dell'uomo (macchina sulla quale l'uomo vi salirà mentre era spenta per effettuare la riparazione), finendo così con la testa divisa in due dalla sega circolare del macchinario. La polizia incomincerà ad avere dei sospetti su questi frequenti "incidenti". Data †: 11 settembre 1972.
  • Agnes: la governante della villa, non molto benvoluta dai suoi subalterni camerieri per via della sua sgarbatezza, sta sempre rinchiusa nel suo ufficio personale in mezzo alle scartoffie, richiedendo spesso del cibo perché molto golosa. Per ucciderla il bambino attenderà la notte prima per rubare del veleno per topi dal bar annesso della villa e il mattino dopo lo verserà nella colazione a base di pane della donna, portata da Jovita. L'avvelenamento riuscito della donna confermerà l'ipotesi di omicidio, ma mancano altre prove e la polizia dovrà fare ulteriori indagini. Data †: 15 ottobre 1972.
  • Alistair: l'anziano maggiordomo. Il suo omicidio avverrà la vigilia di Natale, quando tra gli ospiti presenti vi è McGuffin. Charles manda Alistair a prendere una bottiglia di Borgogna e di accendere le luci natalizie. Lucius se ne approfitterà per dileguarsi e per commettere il misfatto. Attirerà l'attenzione dell'uomo staccando la spina delle luci del bar e, mentre questi si avvicinerà al portico del cortile interno per riattaccare la spina, scivolerà su di una pozza d'acqua (versata da Lucius con una bottiglia). Cadendo, l'uomo si farà molto male alla schiena e chiederà aiuto al bambino. Questi ignorerà la sua richiesta e, coi poteri telecinetici, farà cadere un grosso e aguzzo ghiacciolo del portico, che trafiggerà l'occhio e la testa del maggiordomo. La situazione si farà complessa, e anche la stampa comincerà a ficcare il naso sulla faccenda. Data †: 24 dicembre 1972.
  • Jovita: Jovita Munez è una delle cameriere della villa ed è di origine latina. È l'amante di Tom, lo zio di Lucius. Il bambino ha in mente di fare di lei un capro espiatorio per alcune degli omicidi commessi. Scoprendo la seconda relazione che c'è tra lo zio e l'altra cameriera, Susan, ruberà la macchina fotografica Polaroid di suo nonno e farà una foto di entrambi mentre intraprendono un rapporto sessuale e lascerà tale prova in stanza di Jovita. Quando Jovita scoprirà del tradimento di Tom, cadrà nella disperazione e se ne andrà a piangere sul grande balcone; in questa fase delicata, Lucius userà per la prima volta possessione mentale e le ordinerà di buttarsi dal balcone, per inscenare così un suicidio. Fatto questo, Lucius infilerà nell'armadietto della stanza della donna le prove dei delitti di Mary e Agnes (il lucchetto e il veleno per topi), facendola incolpare. Data †: 3 gennaio 1973.
  • Tom: Tom Wagner è lo zio di Lucius e il fratello di Charles. Dopo la morte di Jovita e anche le accuse fatte su di lei, cadrà in depressione alcolica per quasi un mese. Lucifero lo indicherò come prossima vittima, ma Lucius deve fare in modo di farlo sembrare un suicidio. Scoprendo una misteriosa mappa nello studio di suo nonno Fabius, il bambino entrerà nello scantinato e, attraverso un passaggio segreto, scoprirà una stanza segreta dedita ai riti satanici e capendo così che suo nonno è un seguace del culto di suo "padre". Trovando una bottiglia di veleno mortale, Lucius avvelenerà il whisky dello zio. Prima di morire nella sua stanza, Tom riconoscerà in Lucius come l'assassino della villa. Dopo tale incidente Charles fa cacciare McGuffin; e questi, non sapendo che cosa pensare, si rivolge ad un prete, che sembra capire la situazione meglio di lui. Data †: 23 gennaio 1973.
  • Antonio: il giardiniere della villa, di origine spagnola. Si veste sempre con abiti da discoteca. Lucius, facendo guastare il tosaerba con un sasso, aspetterà che lui si accovacci per controllare il guasto e così prenderà il controllo della sua mente e gli imporrà di ficcare la testa dentro quando è ancora acceso, disintegrandogliela. Data †: 20 marzo 1973.
  • Fabius: Fabius Wagner è il nonno di Lucius, misterioso uomo che ha guadagnato parte del patrimonio lavorando alla Mafia. Una notte sveglierà il nipote, lasciando intendere di aver capito tutto e che lo aspetta nella sua sala segreta. Dopo molte difficoltà nel girare per casa di notte con parte degli abitanti ancora in piedi, il bambino raggiungerà lo zio al luogo prestabilito. Lo zio confermerà i suoi sospetti sul suo patto con il Diavolo in cambio della ricchezza e del potere della famiglia Wagner e, ammirando le doti del piccolo, lo invita ad una cerimonia di sacrificio umano, a discapito di un giornalista ficcanaso catturato dal nonno durante la notte, Wayne Preston. Tuttavia, dopo aver allestito i preparativi della cerimonia, il nipotino pugnalerà il nonno alle spalle col coltello sacrificale. Subito il bimbo dovrà vedersela con Wayne, appena svegliatosi e liberatosi. Data †: 1º aprile 1973.
  • Wayne: Wayne Preston è un giornalista dell'Herald Tribune ed inizierà ad interessarsi al caso della serie di morti misteriose dopo la morte di Alistair. In seguito cercherà di infiltrarsi a Dante Manor in cerca di informazioni, ma verrà scoperto da Fabius e messo fuori combattimento. Da svenuto, verrà legato al tavolo sacrificale della stanza segreta di Fabius, ma svegliandosi troverà il vecchio morto e Lucius che gli sta accanto. Liberatosi e armandosi col coltello cerimoniale, scoprirà la natura demoniaca del bimbo e quindi lo affronterà, voltando le croci per indebolirlo. Alla fine però il piccolo avrà la meglio su di lui e lo ucciderà con le sue fiamme infernali. Il suo cadavere e quello di Fabius rimarranno occultati per il resto della storia. Data †: 1º aprile 1973.
  • James: l'insegnante privato di Lucius. Insegna matematica, materia però odiata dal piccolo. Durante la lezione, mentre James cerca un libro di biologia, Lucius cercherà alcune carte da dare al padre Charles; entrando nella stanza dei genitori troverà anche la combinazione della cassaforte privata del padre. Dopo aver eseguito il compito e approfittando della momentanea assenza del genitore, Lucius aprirà la cassaforte, trovandoci un Revolver. Tornando nella stanza adibita a classe, userà la possessione mentale sull'insegnante e, consegnandogli la pistola, gli ordinerà di spararsi alla testa. Intanto, il padre si convincerà sempre più che Lucius sia maledetto, questo attraverso alcuni testi satanici trovati nello studio di Fabius. Data: 25 maggio 1973.
  • Susan: Susan Myers è l'ultima cameriera rimasta e seconda amante di Tom, con cui verrà scoperta a fare sesso. La sua relazione clandestina porterà alla morte di Jovita. Per eliminarla Lucius guasterà la lavatrice (Susan era l'addetta al bucato) e, senza più una mansione da eseguire, la donna deciderà di farsi un bagno. Lucius raggiungerà lo studio dello zio Tom, in cui scoprirà un buco sul muro fatto apposta per spiare la donna. Utilizzando la telecinesi, l'adorabile bambino porterà il phon attaccato alla presa a cadere nella vasca da bagno di Susan, fulminandola. Charles riassume il Detective McGuffin un'altra volta per risolvere una volta per tutte questo mistero. Data †: 1º giugno 1973.
  • Michael: l'autista della villa, un ragazzo pigro che ama ascoltare musica. Lucius incontrerà Michael in garage con Will, il meccanico. Per ucciderlo deve essere necessariamente solo. Guastando un'altra volta la lavatrice della stanza accanto, Will andrà a ripararla e, consegnando una musicassetta a Michael per attutire i rumori, Lucius controllerà la mente dell'autista facendogli annusare del diluente per vernici industriali, così da fargli perdere i sensi. Con levitazione il ragazzino accenderà l'auto presente in garage per far uscire il gas di scarico, ma una presa d'aria impedisce la riuscita del piano. Ipnotizzando stavolta Will, farà spegnere la presa e così l'autista rimarrà soffocato dall'anidride carbonica. Qualche ora dopo, Will verrà incolpato del delitto. Data †: 6 giugno 1973.
  • Will: il meccanico della villa, nonché ultimo membro del personale rimasto. È afroamericano e parla poco correttamente l'inglese. Verrà incolpato (non proprio a torto) dell'omicidio di Michael da McGuffin. Questi lo ammanetterà ad uno scaffale si assenterà di pochi istanti per chiamare l'agente Terrence. Lucius, non perdendo tempo e ignorando di essere visto durante la manifestazione del suo potere dalla sua vittima, aprirà con telecinesi una tanica di gasolio in cima allo scaffalo, inzuppando Will, e con la fiamma in suo possesso ucciderà il povero meccanico. Mentre Lucius fugge, McGuffin e Terrence ritornano sulla scena e rimarranno stupiti dalla nuova tragedia. Data: 6 giugno 1973.
  • Nancy: Nancy Wagner è la madre biologica di Lucius. Con tutti gli avvenimenti funesti accaduti nei mesi precedenti, la povera donna è completamente uscita di senno e la si può trovare canticchiando seduto su una panca in giardino. Lucius, sapendo che ora il padre lo sospetta di ogni cosa, userà sua madre per incriminarlo. Dopo aver trovato una pistola-sparachiodi ed averla caricata e lasciata in giardino, attenderà che torni Charles, che nel frattempo ha trovato altre prove sulla sua colpevolezza nonché la stanza segreta di Fabius. Quando ormai è nelle vicinanza e, dietro il genitore, anche McGuffin e Terrence, il bambino prenderà il controllo della sua mente e, usando la sparachiodi, ucciderà la moglie sotto gli occhi degli agenti. Dopo essersi riavuto, a Charles non resta altro che fuggire; McGuffin gli andrà dietro per acciuffarlo, lasciando a Terrence la custodia del piccolo. Data †: 6 giugno 1973.
  • Terrence: l'agente collega di McGuffin, messo a guardia della casa dalla morte di Jed. A lui il compito di occuparsi di Lucius e di chiamare i soccorsi, mentre McGuffin insegue Charles dopo l'uccisione di Nancy. Mentre aspettano dentro una sala da tè, circondata da crocifissi, Lucius spaventerà l'agente sollevando dei mezzibusti, invogliandolo a sparare nella loro direzione e quindi distruggendo le croci. Usando lo stesso trucco, Lucius invoglierà ora Terrence a sparare contro il ventilatore a soffitto, danneggiandolo. Usando un'altra volta telecinesi, Lucius manderà il ventilatore contro Terrence, decapitandolo di netto. Dopo questo omicidio, il potere di Lucius incrementerà e il bimbo si scatenerà sulla casa, innescando un immenso incendio. Data †: 6 giugno 1973.
  • Padre Lagel e Padre Dicosimo: due sacerdoti cattolici che hanno un ruolo secondario nella storia. Entrambi si cimentavano presso la chiesa di Winter Hill e avevano inizialmente offerto le loro preghiere e il loro aiuto contro i terribili problemi della casa, ma Fabius li cacciò di malo modo definendoli ipocriti. Ritorneranno verso il capitolo finale e, entrando nella casa oramai divorata da fiamme, tenteranno di esorcizzare con le loro croci il piccolo Lucius. Lucius non glielo permetterà e, con le sue palle di fuoco, eliminerà entrambi i preti. Non gli resta ora che eliminare il padre. Data †: 6 giugno 1973.
  • Charles: Charles Wagner è il padre biologico di Lucius e un senatore del governo degli Stati Uniti d'America. Prima degli eventi che porteranno alla grande tragedia si stava preparando per una campagna elettorale. Rimasto solo in casa insieme al figlio maledetto, Charles si sforzerà di ucciderlo usando un estintore per proteggersi dagli attacchi fiammeggianti del piccolo. Però non riuscirà nell'intento, in quanto Lucius, concentrandosi coi suoi poteri telecinetici farà cadere un enorme pilastro che imprigionerà Charles nella casa e quindi presumibilmente lasciarlo morire bruciato. Data †: 6 giugno 1973.

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Lucius ha ricevuto opinioni contrastanti da parte della critica. Ha ricevuto un punteggio di 58% su GameRankings[1] e 59/100 su Metacritic[2].

Il sito di videogiochi GameSpot che "il problema più grande è la mancanza di informazioni, i suggerimenti sono stati dati [...] ma gli aspetti fondamentali del gioco non sono spiegati bene"[3]. In una recensione negativa, Adventure Gamers ha dichiarato che "gran parte dei testi e la voce narrante sono mediocri".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lucius for PC - GameRankings
  2. ^ http://www.metacritic.com/game/pc/lucius
  3. ^ Lucius Review - GameSpot

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi