Lolium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lolium
Lolium spp Sturm52.jpg
Lolium perenne
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Commelinidae
Ordine Poales
Famiglia Poaceae
Sottofamiglia Pooideae
Tribù Poeae
Genere Lolium
L.
Specie

Lolium L. (nome comune: Loglio) è un genere di piante erbacee annue appartenente alla famiglia Graminaceae (o Poaceae), spontanee e infestanti.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Lolium è un genere ubiquitario, conosciuto ed utilizzato fin dall'antichità. Per la maggior parte dei popoli è stato essenzialmente un'essenza foraggera, anche se non mancano citazioni come pianta officinale. Più originale la storia di L. temulentum (il Loglio ubriacante) oggetto di attenzione dal punto di vista tossicologico o addirittura come erba rituale.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Piante erbacee di piccole dimensioni (da 30 a 50 cm), presentano una infiorescenza caratteristica costituita da spighe, prive di peduncolo, ad inserzione alternata sul rachide. Il rachide da parte sua segue il bordo sottile delle spighette assumendo un aspetto sinuoso. La disposizione ed il fatto che le stesse spighette giacciono sullo stesso piano del rachide, conferisce alla stessa un aspetto decisamente piatto. Le brattee che formano la spiga possono essere dotate di resta ("aristate" come in L. multiflorum) o prive di resta ("mutiche" come in L. temulentum).

Ogni spighetta porta 3/5 fiori.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Lolium multiflorum è impiegato spesso come essenza foraggera sia pura che in prati misti.

Il Lolium temulentum è divenuto tristemente famoso come Loglio ubriacante o zizzania a causa di un tipo di intossicazione da esso causata. In realtà la responsabilità è da ascrivere all'infestazione delle spighe da parte di funghi del genere Claviceps, produttori di alcaloidi tossici, esattamente come avviene nella segale con la Segale cornuta. Nel L. temulentum, pur essendo possibile l'infestazione da Claviceps purpurea e quindi l'ergotismo, è tutt'altro che rara l'infestazione di altre specie e la produzione di un alcaloide meno tossico, la temulina, con effetti analoghi a quelli dell'alcool.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica