Lo zio indegno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo zio indegno
Lo zio indegno (film 1989).JPG
Giannini e Gassman
Paese di produzione Italia
Anno 1989
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere Commedia
Regia Franco Brusati
Soggetto Franco Brusati
Sceneggiatura Leo Benvenuti, Piero De Bernardi, Franco Brusati
Produttore Leo Pescarolo, Guido De Laurentiis
Interpreti e personaggi
Premi

Nastro d'argento 1990 ("Migliore attore protagonista)
concesso a V. Gassman dal S.N.G.C.I.

Lo zio indegno è un film italiano del 1989, una commedia diretta dal regista Franco Brusati, con protagonisti Vittorio Gassman e Giancarlo Giannini. Il film è tratto da una storia di Franco Brusati e Leonardo Benvenuti.

Tagline: "Per lui il divertimento è una parola di quattro lettere...VITA!"

Trama[modifica | modifica sorgente]

Questa tipica commedia all'italiana, dal ritmo andante, presenta il personaggio (forse un po' teatrale nella sua schematicità), dello zio anziano, una volta affascinante, ma tuttavia irresponsabile, disinibito, lascivo, ed amante del divertimento, che mostra le sue analisi del sangue ad ogni donna disponibile presente nei paraggi, con l'idea di farla diventare sua partner. Mostrando questi certificati vuole provare che lui è "pulito" (rispetto al nipote un po' malaticcio) e genera ogni sorta di trambusto durante la breve stagione nella quale si prende cura del nipote ricco, malato, ed emozionalmente inibito.

All'inizio il nipote rimane allibito e scandalizzato dalla bramosia dello zio per una vita selvaggia e lussuriosa, ma col tempo si affeziona per infine rimanere affascinato dall'ansia vitalistica dell'anziano. Presto il giovane riservato e con « la testa a posto » si troverà invischiato nel demenziale stile di vita dello zio, e comincerà ad apprezzare il valore del vivere la vita con « l'acceleratore a piena manetta ».

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema