Lo sparviero di Londra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo sparviero di Londra
Lured (Sirk, 1947).JPG
George Sanders e Lucille Ball nella scena finale
Titolo originale Lured
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1947
Durata 102 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1,37 : 1
Genere thriller, giallo, noir
Regia Douglas Sirk
Soggetto Jacques Companéez, Simon Gantillon, Ernest Neuville
Sceneggiatura Leo Rosten
Produttore James Nasser, Henry S. Kesler
Produttore esecutivo Hunt Stromberg
Fotografia William H. Daniels
Montaggio John M. Foley, James E. Newcom
Musiche Michel Michelet
Scenografia Nicolai Remisoff
Costumi Eloise Jensson
Trucco Don L. Cash, Josephine Sweeney
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Lo sparviero di Londra (Lured) è un film statunitense del 1947 diretto da Douglas Sirk, rifacimento del francese L'imboscata (1939).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella Londra d'inizio Novecento, un poeta assassino annuncia i propri delitti inviando ogni volta alla polizia dei versi ispirati allo stile di Charles Baudelaire, nei quali lo psicoanalista del commissariato individua una macabra ossessione per la grazia femminile.

Dopo la scomparsa di Lucy Barnard, la sua amica Sandra Carpenter accetta di far da esca per l'ispettore Temple, che le chiede di rispondere alle inserzioni sui giornali, attraverso cui il maniaco sembra reclutare le proprie vittime, scegliendo ragazze giovani e belle.

Sandra si ritroverà ad avere a che fare con numerosi individui loschi e particolari, da cui la difenderanno gli agenti di scorta al suo seguito. Tra un'indagine e l'altra, farà anche la conoscenza di Robert Fleming, un reclutatore di ballerine dalla personalità brillante, che, dopo aver conquistato il cuore di Sandra, cadrà a sua volta tra i sospettati assieme al proprio fidato assistente Julian Wilde.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il Morandini commenta: «I sospettati sono tanti. 4° film hollywoodiano del tedesco-danese Detlef Sierck, mescola l'atmosfera del thriller anglosassone, le suggestioni dell'horror, i toni della commedia giallorosa»[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Laura, Luisa e Morando Morandini, Il Morandini: dizionario dei film 2001, Zanichelli, Bologna, 2000. ISBN 88-08-03105-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema