Lingua chagatai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingua chagatai
Parlato in Asia centrale
Periodo fino al XX secolo
Classifica estinta
Filogenesi Lingue altaiche
 Lingue turche
Codici di classificazione
ISO 639-2 chg
ISO 639-3 chg  (EN)
SIL chg  (EN)

La lingua chagatai (جغتای Jaġatāy uzbeco: چەغەتاي Chag'atoy; mongolo: ᠲᠰᠠᠭᠠᠳᠠᠢ Chagadai; uiguro: چاغاتاي Chāghātāy; turco: Çağatayca) è una lingua turca estinta parlata un tempo nell'Asia centrale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il nome Chagatai proviene dal Khanato Chagatai, un impero successore dell'Impero Mongolo, che fu lasciato da Genghis Khan al suo secondo figlio: Khan Chagatai. Molti dei turchi chagatai e tatari parlavano la lingua chagatai, e si dichiaravano discendenti del khan Chagatai.

Fu parlata anche dai primi regnanti dell'Impero Moghul nel subcontinente indiano, dove influenzà lo sviluppo della lingua indostana. Ali-Shir Nava'i fu il più grande rappresentante della letteratura chagatai.

I primi sviluppi di questa lingua sono talvolta conosciuti come Turco medio o anche semplicemente Turki.

La tradizione russa chiama questa lingua antico uzbeco.

Rimase la lingua letteraria condivisa fino all'inizio del XX secolo[1].

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ethnologue,[2] la classificazione della lingua chagatai è la seguente:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Robert McHenry, Navā’ī, (Mir) ‘Alī Shīr in Encyclopædia Britannica, vol. 8, 15th, Chicago, Encyclopædia Britannica, Inc, 1993.
  2. ^ (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Chagatai in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]