Lasius flavus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lasius flavus
Lasius.flavus.jpg
Una operaia
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Vespoidea
Famiglia Formicidae
Sottofamiglia Formicinae
Tribù Lasiini
Genere Lasius
Sottogenere Lasius
Specie L. flavus
Nomenclatura binomiale
Lasius flavus
Fabricius, 1782

Lasius flavus Fabricius, 1782, è una formica della sottofamiglia Formicinae, diffusa in tutta l'Europa ed in alcune parti del Nord America e dell'Asia e dell'Africa del Nord.[1]


Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le regine hanno una lunghezza media dai 7 ai 9 mm, i maschi dai 3 ai 4 mm mentre le operaie variano dai 2 ai 4 mm. Il colore varia dal giallo rossiccio fino al marrone. I maschi e le regine generalmente sono di colore più scuro. La specie è monomorfa, non esistono i soldati.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

La specie predilige fare i nidi nei prati o nei campi evitando terreni aridi.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutrono di melata di afidi e piccoli insetti che riescono a predare.

Fondazione[modifica | modifica sorgente]

Dopo il volo nuziale è abbastanza frequente che due o più regine si associno per iniziare una fondazione insieme. Dopo la nascita di un sufficiente numero di operaie, quest'ultime decideranno quale regina rimarrà uccidendo le altre. Questo comportamento che può sembrare insensato porta invece a dei benefici, in quanto la fase iniziale di fondazione è quella più difficile e le specie le cui regine fanno tutto autonomamente rimanendo sfinite, hanno un alto tasso di fallimenti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lasius flavus in AntWeb. URL consultato il 19 gennaio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi