Langite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Langite
Langite-120989.jpg
Classificazione Strunz VI/D.03-20
Formula chimica Cu4(SO4)(OH)6·2(H2O)
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico
Sistema cristallino monoclino
Classe di simmetria domatica
Parametri di cella a = 7.118, b = 6.034, c = 11.209
Gruppo puntuale m
Gruppo spaziale Pc
Proprietà fisiche
Densità 3,5 g/cm³
Durezza (Mohs) 2,5-3
Sfaldatura perfetta secondo {001}
Frattura  
Colore da blu verdastro a blu
Lucentezza vitrea
Opacità traslucida
Striscio blu-verdastro
Diffusione assai rara
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La langite è un minerale, solfato basico e idrato di rame appartenente al gruppo omonimo.

Il nome deriva da Viktor von Lang (1838 - 1921), fisico e mineralogista austriaco.

Descritta per la prima volta da Mervin Herbert Nevil Story-Maskelyne (3 settembre 1823 - 20 maggio 1911), geologo e mineralogista inglese, nel 1864.


Abito cristallino[modifica | modifica sorgente]

I cristalli sono equidimensionali oppure allungati secondo {100} e geminati.


Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

Minerale di origine secondaria, si trova nei giacimenti di rame, dove si forma per ossidazione dei solfuri. La paragenesi è con calcopirite, gesso e altri solfati di rame basici.


Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica sorgente]

Abbastanza comuni i cristalli, più rari gli aggregati terrosi, sugherosi e fibrosi, e in croste fibroso-lamellari.


Caratteri fisico-chimici[modifica | modifica sorgente]

È solubile in ammoniaca e negli acidi; insolubile in acqua. Va pulito con acqua distillata.


Località di ritrovamento[modifica | modifica sorgente]

A Virneberg, in Germania; a Mollau e Haut-Rhin, in Francia; a Saint Just e a Saint Blazey, in Cornovaglia; a Špania Dolina, in Slovacchia; ad Eschach, in Austria; e nella Ward Mine, nel Nevada.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mineralogia - Cornelis Klein - Zanichelli (2004)
  • Minerali e Rocce - De Agostini Novara (1962)
  • Guida al riconoscimento dei minerali - Borelli e Cipriani - Mondadori (1987)
  • Minerali e Rocce - Corsini e Turi - Enciclopedie Pratiche Sansoni (1965)


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia