La spia che venne dal freddo (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La spia che venne dal freddo
Titolo originale The Spy Who Came in From the Cold
Autore John Le Carré
1ª ed. originale 1963
Genere Romanzo
Sottogenere giallo
Lingua originale inglese
Ambientazione Guerra fredda, 1960
Protagonisti Alec Leamas
Coprotagonisti Liz
Antagonisti Mundt
Altri personaggi Control, Fiedler

La spia che venne dal freddo è il più noto romanzo di John le Carré, grazie anche alla trasposizione cinematografica con Richard Burton.

La trama ruota attorno al personaggio di Alec Leamas, consumato agente del servizio segreto inglese, alle dipendenze del famoso capo Controllo. Il piano del servizio inglese è quello di infiltrare Leamas nel servizio segreto della Repubblica Democratica Tedesca, per far cadere in disgrazia l'astro nascente dei loro servizi segreti, Mundt.

Il romanzo, come è tipico di le Carré, costruisce un'intricata rete di inganni attorno alla quale ruotano i grandi giocatori degli intrighi della guerra fredda, fino a rendere la storia appassionante e coinvolgente, in una situazione in cui tutti sembrano essere il contrario di ciò che sono: alla fine l'autore saprà, colla sua solita maestria, dipanare la matassa e rendere chiaro un piano geniale.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia si svolge tra Berlino e Londra. Alec Leamas, il protagonista, è un agente dello spionaggio inglese che lavora nella Germania Est. Dopo l'ennesima uccisione di un suo uomo da parte degli uomini di Mundt, alto funzionario del controspionaggio della Germania comunista, Leamas torna a Londra, dove il capo dello spionaggio britannico, Control, gli offre la possibilità di un'ultima missione. Leamas deve fingersi un uomo distrutto, deluso dal servizio e umiliato dal servizio segreto inglese, così che gli agenti del controspionaggio russo possano crederlo pronto a tradirlo senza troppi problemi. A questo punto Leamas, sfruttando l'odio che Fiedler, agente ebreo del controspionaggio della DDR, prova per Mundt potrà fargli credere che, in realtà, Mundt collabora con i servizi inglesi. In questo modo sarà lo stesso Fiedler ad eliminare Mundt. Ma, come il lettore scoprirà poco a poco quale sia la missione di Leamas avendo sempre delle informazioni incomplete, così l'agente Leamas scoprirà, alla fine, di fare parte di un progetto più grande, di cui lui e la donna che ama saranno delle semplici pedine.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • John Le Carré, La spia che venne dal freddo, traduzione di Adriana Pellegrini, collana I libri pocket, Longanesi, 1968, pp. 298, cap. 24, ISBN non possiede l'ISBN.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura