L'uomo che piantava gli alberi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uomo che piantava gli alberi
Titolo originale L'homme qui plantait des arbres
Autore Jean Giono
1ª ed. originale 1953
Genere Racconto
Lingua originale francese
Protagonisti Elzéard Bouffier

L'uomo che piantava gli alberi (titolo originale: L'homme qui plantait des arbres), conosciuto anche come La storia di Elzéard Bouffier è un racconto allegorico di Jean Giono, pubblicato nel 1953.

È la storia di un pastore che, con impegno costante, riforestò da solo un'arida vallata ai piedi delle Alpi, vicino alla Provenza, nella prima metà del XX secolo. Il racconto è piuttosto corto - 3400 parole nella traduzione italiana.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia ha inizio nel 1910, quando il giovane narratore intraprende un'escursione a piedi sulle pendici provenzali delle Alpi. Il narratore finisce le scorte d'acqua in una vallata deserta e senza alberi, dove cresce solo lavanda selvatica, senza alcun segno di civilizzazione, eccetto un villaggio ormai abbandonato, con strutture diroccate e la fonte secca. Il ragazzo incontra un pastore assieme al suo gregge di pecore, che gli offre l'acqua dalla sua borraccia. Tale pastore viene descritto come un individuo piuttosto silenzioso, e ospita il giovane narratore nella sua casa. Nella giornata successiva il narratore lo segue nelle sue attività, scopre che lui pianta ogni giorno 100 ghiande e ne ascolta la storia: divenuto vedovo, aveva deciso di migliorare il luogo desolato in cui viveva facendovi crescere una foresta, un albero per volta. Il suo nome era Elzéard Bouffier, aveva cinquantacinque anni e, rimasto vedovo, si era ritirato in montagna e aveva piantato in tre anni 100mila ghiande e si aspettava che ne sarebbero nati 10.000 querce.

Dopo questo incontro, il narratore combatte come soldato di fanteria nella prima guerra mondiale. Dopo il congedo, torna negli stessi luoghi nel 1920, sorprendendosi alla vista della trasformazione del paesaggio, con alberi ormai alti, non solo querce, ma anche faggi e betulle, nelle zone più umide. L'acqua scorreva nuovamente nei ruscelli una volta secchi, e la foresta raggiungeva ormai un'estensione di 11 km. Ritrova anche Elzéard Bouffier, divenuto apicultore, che continua a visitare ogni anno.

Elzéard Bouffier continua a piantare alberi e la foresta continua negli anni successivi ad estendersi. Le popolazioni vicine si accorgono della trasformazione, ma la attribuiscono a fattori naturali. Nel 1935 la nuova foresta viene visitata da una delegazione governativa e venne messa sotto la protezione dello stato. Dopo la seconda guerra mondiale, in seguito alla trasformazione del paesaggio anche il villaggio abbandonato viene nuovamente popolato e sorgono nuove fattorie e coltivazioni nei dintorni, e la gente in zona deve gran parte della sua felicità a Elzéard Bouffier. Il racconto si conclude con la notazione della morte serena di Elzéard Bouffier nel 1947.

Una storia vera?[modifica | modifica sorgente]

Il racconto è così toccante che molti lettori hanno creduto che Elzéard Bouffier fosse un personaggio realmente esistito e che il narratore fosse Jean Giono stesso, e che quindi la storia fosse in parte autobiografica. Infatti si suppone che l'autore abbia vissuto proprio nel periodo in cui è ambientata la narrazione . L'autore ha spiegato, in una lettera del 1957 a un rappresentante della città di Digne:

Mi dispiace deludervi, ma Elzéard Bouffier è un personaggio inventato. L'obiettivo era quello di rendere piacevoli gli alberi, o meglio, rendere piacevole piantare gli alberi.

Nella lettera descriveva come il libro fosse stato tradotto in una moltitudine di lingue, distribuito gratuitamente, e divenuto un successo. Aggiunse anche che, sebbene non gli avesse fatto guadagnare nemmeno un centesimo, era stato uno dei testi di cui andava maggiormente fiero.

Produzioni teatrali e cinematografiche[modifica | modifica sorgente]

Nel 1987, Frédéric Back adattò la trama del racconto creandone un cortometraggio. L'uomo che piantava gli alberi vinse numerosi premi, fra cui il Premio Oscar per il miglior cortometraggio d'animazione.[1][2]

Nel 2006 invece, il racconto fu adattato per il teatro da Richard Medrington, e venne poi messo in scena nei teatri di Edimburgo, in Scozia.

Nel 2013 l'Associazione Culturale Plantago ha messo in scena il testo integrale, affidando la narrazione a Loriano Della Rocca.

Musica[modifica | modifica sorgente]

Nel 2003 I ratti della Sabina hanno tratto una canzone dal racconto di Jean Giono, chiamata appunto L'uomo che piantava alberi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Frédéric Back (1924–2013), imdb.com. URL consultato il 26 luglio 2014.
  2. ^ L'uomo che piantava gli alberi (1987), imdb.com. URL consultato il 26 luglio 2014.