Kjeld Abell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kjeld Abell (Ribe, 25 agosto 1901Copenaghen, 5 marzo 1961) è stato un drammaturgo, scenografo e regista teatrale danese.

Scenografo a Parigi, a Londra, al Teatro Reale di Copenaghen, fu direttore artistico del Tivoli. Durante l'occupazione tedesca scrisse drammi di più o mena aperta propaganda politica. Negli ultimi drammi Kjeld Abell cercò una via d'uscita all'angosciosa solitudine dell'individuo, al pessimismo esistenzialistico in un'assai problematica fede nella solidarietà umana.

Antinazista, fu un esponente dell'espressionismo tedesco.

Opere teatrali[modifica | modifica sorgente]

  • 1934 - La vedova allo specchio (Enken i Spejlet)
  • 1935La melodia perduta (Melodien der blev vaek)
  • 1936Eva compie il suo dovere di bambina (Eva aftjener sin barnepligt)
  • 1939Anna Sophie Hedvig
  • 1940Giuditta (Judith)
  • 1946Silkeborg
  • 1947Giorni su una nuvola
  • 1950Vetsera non fiorisce per ognuno (Vetsera blomstrer ikke for enhver)
  • 1954Il pechinese blu (Den blå pekingeser)
  • 1961L'urlo (Skriget)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Abell, Kjeld in Chambers Biographical Dictionary, Londra, Chambers Harrap, 2007.
  • (EN) Abell, Kjeld in The Cambridge Guide to Theatre, Cambridge University Press, 2000.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 56669455 LCCN: n80030474